26 Gennaio 2022 · 17:33
9.7 C
Firenze

La Toscana torna arancione, ma oltre a Firenze saranno tanti i comuni rossi. L’elenco completo

L'elenco completo delle zone che Giani ha ritenuto di tenere rosse

La Toscana lascerà zona rossa per tornare in arancione lunedì 12 Aprile. Ci sono aree del territorio regionale che rimarranno rosse per altri 5 giorni e mezzo, ovvero fino alle ore 14 di Sabato 17 Aprile:

-le Province di Firenze Prato.

– i Comuni di San MiniatoMontopoli in Val d’ArnoSanta Croce sull’ArnoCastelfranco di Sotto, che fanno parte della provincia di Pisa ma sono compresi nella zona socio sanitaria Valdarno-Empolese Valdelsa.

– i Comuni di Poggibonsi, San Gimignano, Colle Val d’Elsa, Casole d’Elsa, Radicondoli, compresi nella zona socio sanitaria Alta Vald’elsa, in provincia di Siena.

Il prolungamento della zona rossa nelle due province più popolose della Toscana e nelle due zone socio-sanitarie appena citate è stato considerato necessario dal presidente della Regione Eugenio Giani. I motivi: il dato dell’incidenza settimanale del contagio da Covid ancora al di sopra del limite di 250 nuovi casi ogni 100mila abitanti oltre il quale scattano per decreto le restrizioni più severe. Inoltre, la pressione ancora troppo elevata sugli ospedali, in molte città al limite della saturazione.

“L’atto è determinato dalla situazione ad alto rischio nel sistema ospedaliero e sanitario – si legge in una nota della Regione – con fortissima occupazione di terapie intensive e un’alta diffusione di ricoveri nei reparti Covid”.

“I pareri dei direttori delle Asl competenti sono concordi nel chiedere di limitare la mobilità per non congestionare ulteriormente e il sistema ospedaliero e sanitario toscano”. Conclude la nota, precisando che i provvedimenti relativi alle nuove zone rosse sono stati assunti dalla Regione dopo un lungo confronto con i sindaci dei Comuni interessati.

DE ROSSI E’ ANCORA IN OSPEDALE PER IL CORONAVIRUS, MA LE SUE CONDIZIONI ADESSO SONO MOLTO BUONE

De Rossi è ancora in ospedale per il Coronavirus, ma le sue condizioni adesso sono molto buone

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO