23 Ottobre 2020 · 07:06
14 C
Firenze

La storia di Armando Frigo, il mediano dell Fiorentina fucilato dai nazisti in guerra. Nel suo portafoglio…

Armando Frigo fu il secondo calciatore statunitense, dopo Alfonso Negro, a militare nella nostra Serie A con la maglia della Fiorentina. Nato a Clinton, il 5 agosto 1917, arrivò a Firenze dal Vicenza. Il ruolo del giocatore era quello di mediano e con la maglia viola giocò per tre stagioni per il totale di 46 partite e 7 gol fatti in totale.

Frigo si arruolò nel “Regio Esercito” nel 1941, in seguito all’incontro in treno con un reduce mutilato, e seguì la scuola per allievi ufficiali raggiungendo il grado di sottotenente.

Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 al suo reparto fu ordinato di difendere la strada tra Crkvice e Ledenice; gli italiani, poco meno di 40 uomini, resistettero per un mese, permettendo a gruppi di alpini della Divisione Taurinense e di partigiani slavi di sganciarsi per raggiungere Nikšić. Il 9 ottobre 1943 si arresero ai nazisti per la mancanza di munizioni e viveri. Il giorno successivo i quattro ufficiali presenti (oltre a Frigo, il tenente Pietro Arcuno, il sottotenente Luigi Sedea e un non meglio identificato sottotenente Valentini), che si erano rifiutati di togliere le mostrine nonostante le richieste dei propri uomini, furono sommariamente processati e fucilati. Nel portafoglio di Frigo fu trovata la sua tessera di calciatore della Fiorentina.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Pedullà: “Sarri alla Fiorentina dipende dalla Juventus, difficile che accetti se si arriva a dicembre”

Nel corso della trasmissione Calcio e Mercato ha parlato della situazione di Sarri alla Fiorentina il noto esperto di mercato Alfredo Pedullà, queste le...

Brovarone: “Errore confermare Iachini. Programmazione in atto. Ecco tre acquisti che avrei fatto”

Abbiamo sentito in esclusiva il noto intermediario di mercato fiorentino Bernardo Brovarone Che idea ti sei fatto rispetto alla situazione attuale in casa Fiorentina con...

CALENDARIO