FISCHIO D’INIZIO – Comincia Juventus-Fiorentina, prima semifinale della 70^ Viareggio Cup.

2′: Fiorentina che cerca le corsie esterne per mettere un brivido alla Juventus. Il cross di Ranieri viene spazzato da un difensore bianconero, che riesce a sventare la minaccia.

4′: viola ancora insidiosi in questi primi minuti di gara. Gori ha la meglio in un rimpallo con Fernandes e libera il mancino dal limite dell’area: pallone altro di un paio di metri sopra la porta di Loria.

7′: GOL DELLA FIORENTINA. Dopo aver saggiato la resistenza bianconera i viola sfondano e sbloccano la semifinale. Cross di Ranieri dalla sinistra, Zanandrea liscia il pallone di testa permettendo a Maganjic di controllare sul lato corto dell’area di rigore. Il croato appoggia all’indietro, la palla sembra corta ma Muratore sceglie male il tempo dell’intervento, permettendo a Lakti di inserirsi nel cuore nell’area e di battere Loria con un diagonale imprendibile col destro.

13′: GOL DELLA FIORENTINA. I viola volano sulle ali dell’entusiasmo, e trovano a stretto giro di posta il raddoppio in questo avvio di gara. Corner di Valencic dalla sinistra, incornata perentoria di Mosti che esalta il riflesso di Loria, che respinge per salvare la propria porta. Sulla respinta è felino capitan Diakhate, che da due passi corregge in rete lanciando sul 2-0 i toscani.

14′: risponde la Juventus, che deve scuotersi dopo un avvio da incubo e si affida all’iniziativa del suo cannoniere principe. Kulenovic prova il tiro da posizione defilata, Ghidotti blocca sicuro senza troppi patemi.

18′: primo ammonito del match. Lakti non risparmia complimenti a Fernandes in mezzo al campo, rimediando il giallo.

19′: sale di colpi la Juventus, obbligata a rispondere dopo l’uno-due incassato dai viola. Kulenovic, molto attivo, riceve sulla destra e appoggia all’indietro per Muratore, che ci prova col destro senza centrare lo specchio della porta di Ghidotti.

21′: i bianconeri si fanno sempre più minacciosi dalle parti di Ghidotti, e beneficiano di una occasione interessante nel cuore dell’area avversaria. Fagioli scivola ma è bravo a ritrovare rapidamente l’equilibrio e a eludere l’intervento di Ceccacci, provando poi la conclusione da futsal con la punta del piede. Ghidotti è attento e blocca con sicurezza.

23′: brivido per la Juventus, che rischia grossa sugli sviluppi di un corner della Fiorentina. Lakti raccoglie la respinta e scodella un campanile altissimo, Loria esce con coraggio ma non calcola al meglio il tempo dell’intervento e si fa anticipare di testa da Mosti. Il pallone rotola pericolosamente verso la porta bianconera, ma il gioco è fermo per un fallo in attacco del difensore viola.

25′: contropiede fulmineo della Fiorentina, condotto dalla premiata ditta Gori-Sottil. L’esterno appoggia per la punta, che chiude il triangolo con un tocco di tacco: ferma tutto Fernandes con un intervento irruente, la Fiorentina reclama il rigore ma il direttore di gara non è dello stesso avviso e lascia correre.

27′: primo ammonito anche nelle fila bianconere. Meneghini trattiene per la maglia Sottil, rimediando l’ammonizione.

31′: cross dalla trequarti di Meneghini, Kulenovic gira di testa ma non inquadra lo specchio.

Comunicato il dato degli spettatori della prima semifinale: sono 1.300 gli spettatori presenti allo Stadio dei Pini “Torquato Bresciani”.

39′: occasione per la Fiorentina di trovare il raddoppio! Maganjic si libera in area, resistendo alla trattenuta di un difensore bianconero. La sua conclusione in caduta, però, si spegne tra le braccia di Loria.

45′: il direttore di gara ravvisa una scorrettezza di Maganjic ai danni di Zanandrea, estraendo il cartellino giallo nei confronti del numero 10 viola.

FINE PRIMO TEMPO! Terminano qui i primi 45′ tra Juventus e Fiorentina. Viola in vantaggio per 2-0 grazie alle reti di Lakti e Diakhate, che hanno incanalato la partita in binari favorevoli dopo pochi minuti di gioco.

VIA ALLA RIPRESA – Comincia il secondo tempo di Juventus-Fiorentina, due cambi per i bianconeri: fuori Delli Carri e Merio, dentro Anzolin e Portanova.

51′: GOL DELLA JUVENTUS. I bianconeri riaprono subito i giochi all’alba della ripresa, grazie al gioiello disegnato dal piede sinistro di Montaperto. Il fantasista ex Empoli controlla, prende la mira e pennella sotto l’incrocio alla destra di Ghidotti, senza lasciare scampo al portiere viola e rimettendo in corsa la Juventus.

53′: GOL DELLA FIORENTINA. Appena due giri di orologio dopo il gol della speranza, i bianconeri ritornano nel baratro. Pasticcio di Zanandrea, che sbaglia tutto su un lancio dalle retrovie e si fa soffiare il pallone da un Gori diabolico, che poi batte Loria con il piatto del destro rilanciando la fuga gigliata.

58′: la Juventus prova a rialzare nuovamente la testa, affidandosi alle iniziative dei due subentrati. Portanova riceve sulla destra e mette al centro un pallone velenoso, sul quale però Anzolin arriva in leggero ritardi senza riuscire a tenerlo vivo sul secondo palo.

59′: altro ammonito nelle fila della Fiorentina. Mosti finisce sul taccuino dell’arbitro per un duro intervento su Portanova.

60′: un cambio per parte all’ora di gioco. La Fiorentina inserisce Meli al posto di Lakti, la Juventus risponde mandando in campo Morachioli per Fagioli.

61′: occasione degna di nota per la Juventus, che non ha alcuna intenzione di arrendersi. Capitan Muratore prova a suonare la carica con un destro sporco dal limite dell’area, che finisce di un soffio a lato forse anche complice la decisiva deviazione di Ghidotti, non ravvisata però dall’arbitro.

67′: altri due cambi per la Fiorentina, che inserisce Longo e Faye al posto di Maganjic e Gori.

72′: le forze fresche bianconere provano a spingere e a suonare la carica. Azione sulla sinistra, Portanova stringe il destro sul primo palo e centra il montante alla destra di Ghidotti.

73′: arriva un altro cambio per la Fiorentina, con mister Bigica che vuole dare più brillantezza sulle corsie esterne. Fuori Mosti, gravato di un’ammonizione, dentro Ferrarini.

76′: cambio anche per la Juventus, fuori Zanandrea dentro Pereira.

81′: episodio controverso al limite dell’area bianconera. Sottil finisce a terra alle porte dei sedici metri e regala il rigore, l’arbitro non è dello stesso avviso e concede una punizione in favore dei bianconeri per un tocco con la mano dell’esterno viola.

82′: mister Dal Canto pesca ancora dalla panchina. Fuori uno stanchissimo Montaperto, dentro Petrelli.

87′: brivido per la difesa della Fiorentina, che va in difficoltà su un lancio lungo di Muratore. Kulenovic sembra poter prendere il tempo a Ceccacci, che però rimedia con mestiere guadagnando un fallo che vanifica lo spunto dell’attaccante croato.

90′: calcio di rigore per la Fiorentina. Loria mette giù Longo al limite dell’area piccola, rigore solare che potrebbe permettere ai viola di arrotondare ulteriormente il punteggio.

91′: PARATA DI LORIA! Il portiere bianconero intuisce la traiettoria del tiro dagli undici metri di Diakhate, che incrocia il destro ma trova il volo da applausi del numero uno che si distende e salva l’onore. Il capitano viola si è peraltro reso protagonista di un siparietto poco edificante, un bisticcio davvero brutto da vedere con Sottil per disputarsi la battuta del rigore.

92′: GOL DELLA FIORENTINA. Meno di un minuto dopo l’errore dal dischetto Diakhate si riscatta: volata di Sottil che prende il fondo, palla al centro dove al capitano viola basta toccare il pallone per battere per la quarta volta Loria, lanciando ufficialmente i gigliati verso la finalissima.

FISCHIO FINALE – Termina qui la prima semifinale della 70^ Viareggio Cup: è la Fiorentina la prima finalista del torneo, dopo una rotonda e meritata vittoria ottenuta contro i rivali di sempre della Juventus. Un pomeriggio da incorniciare per i viola, eccezion fatta per le storie tese tra Sottil e Diakhate per la battuta del rigore nel recupero, un episodio che macchia la giornata di festa dei gigliati che tornano a giocarsi la Coppa Carnevale a sette anni di distanza dall’ultima apparizione in finale.

Mondoprimavera.com

Comments

comments