Mediagol ha intervista l’ex viola Alberto Gilardino, adesso mister della Pro Vercelli: “Gol più bello e quello più importante della mia carriera? Uno l’ho messo a segno con la maglia del Palermo, sebbene in quella stagione non ne abbia fatti tanti, parliamo di un bottino complessivo di undici reti in maglia rosanero. Mi ricordo quando segnai il gol del vantaggio a Carpi, che a livello di coefficiente di difficoltà credo sia stato incredibile, una partita che poi si concluse in parità con il risultato di 1-1. Reti importanti ne ho fatte tante: ricordo il gol a Liverpool con la maglia della Fiorentina in Champions League, la rete del 3-0 al Manchester Utd nella semifinale di ritorno di Champions League a San Siro quando vestivo la maglia del Milan. Per fortuna di gol in carriera belli ed anche importanti ne ho realizzati molti nel corso della mia carriera. La nuova Fiorentina?  Commisso è entrato con grande voglia, grande disponibilità e grande entusiasmo in questa realtà. Firenze aveva bisogno e ha bisogno di questo grande calore ed trasporto emotivo, il patron sta facendo un grandissimo lavoro insieme a Barone e adesso serve che dirigenza e staff possano continuare ad operare in sinergia e serenamente. Credo che la Fiorentina abbia tre o quattro giocatori di grande livello dotati di talento fuori dal comune, mi riferisco a gioielli come Chiesa, Castrovilli e Vlahovic, giocatori che possono costituire non solo il presente, ma anche e soprattutto il futuro immediato dei viola e anche quello a lungo termine. A Firenze stanno davvero svolgendo un ottimo lavoro e sono sicuro che il prossimo anno potranno disputare una grande stagione”.

Fonte:mediagol.it