È arrivato il comunicato del Giudice Sportivo dopo la settima giornata di Serie A. L’unico calciatore squalificato è Mario Rui, espulso durante Juventus-Napoli. La decisione più importante arriva sempre dall’Allianz Stadium e riguarda la Curva Sud, il settore che ospita il tifo bianconero più caldo, che dovrà restare chiuso per un turno per cori di discriminazione territoriale e razzista nei confronti dei tifosi azzurri e di Kalidou Koulibaly. Il settore resterà chiuso nella sfida contro il Genoa del 20 ottobre, alla ripresa del campionato dopo la sosta per le nazionali. Per la Juve anche 10mila euro di multa, mentre il Napoli è stato multato di 15mila euro per il lancio di un seggiolino dello Stadium da parte di un suo tifoso.

IL COMUNICATO – Ecco il comunicato completo:

“Obbligo di disputare una gara con i settori “Tribuna Sud 1° e 2° anello” privi di spettatori ed ammenda di € 10.000,00: alla Soc. JUVENTUS per cori insultanti di matrice territoriale, reiterati ed aggravati dalla recidiva specifica, nei confronti dei sostenitori della squadra avversaria, provenienti dalla grande maggioranza dei tifosi assiepati nel settore interessato, e pertanto percepiti in tutto l’impianto, preceduti altresì, al 6° minuto del secondo tempo, da un coro discriminatorio di matrice evidentemente razziale nei confronti del calciatore della Soc. Napoli Koulibaly, seppur non qualificato autonomamente come tale dai collaboratori della Procura federale nella loro segnalazione. Sanzione complessivamente disposta visti gli artt. 11 comma 3 e 12 comma 3 CGS, tenuto conto delle circostanze aggravanti anche per la recidiva, con assorbimento della facoltà di sospensione di cui all’art. 16 comma 2 bis CGS quanto alla fattispecie di denigrazione di matrice razziale.