14 Maggio 2021 · 19:53
14.4 C
Firenze

Cecchi Gori è in ospedale piantonato dalla polizia. Andrà in carcere anche per il crac Fiorentina

Due agenti della polizia giudiziaria lo stanno piantonando, in stato di detenzione, fuori dalla stanza dell’ospedale Gemelli di Roma. Vittorio Cecchi Gori è ricoverato da giovedi pomeriggio quando si è presentato al Pronto Soccorso spaventato perché respirava in maniera affannosa. Il giorno dopo i carabinieri del Nucleo Investigativo gli hanno notificato un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Corte d’Appello per un cumulo di pene pari a 8 anni, 5 mesi e 26 giorni di reclusione.

Il produttore cinematografico che, è sotto accurato controllo medico da quando nel Natale del 2018 fu colpito da un’ischemia cerebrale con complicazioni cardiache ha preso atto, con grande amarezza, della decisione della Cassazione. Al momentole sue condizioni di salute non destano preoccupazioni ma il suo quadro clinico complessivo non si sposa certo con quella che è la vita carceraria.

A Vittorio Cecchi Gori, che com-pirà 78 anni il prossimo 27 aprile, sono contestati reati finanziari tra cui la bancarotta fraudolenta. Su di lui pesano come macigni gli effettidel cracda ventiquattro milioni di euro della Safin Cinematografica.Vittorio Cecchi Gori paga una somma di reati finanziari. Tra questi c’è anche la condanna a 3 anni e quattro mesi di carcere, oltre al risarcimento di diciannove milioni di euro, per essere risultato l’unico colpevole del crac della Fiorentina calcio.

Un drammatico episodio economico-sportivo che risale alla primavera del 2002. La mala gestione dell’ex produttore cinematografico ebbe l’effetto di far fallire la Fiorentina.

Negli ultimi tempi Vittorio Cecchi Gori era convinto di veder riconosciute le sue ragioni per quel fallimento.Era anche sicuro di poter avere un importante risarcimento danni. L’ex produttore cinematografico dovrebbe restare al Policlinico Gemelli almeno fino a domani. Ma il ricovero potrebbe prolungarsi per altri giorni. Le sue condizioni di salute potrebbero suggerire una pena diversa dalla detenzione. Magari gli arresti do miciliari. I giudici hanno previsto una possibile revisione della pena detentiva in relazione alla durata della pena accessoria.

Gazzetta dello Sport

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Francesca Fioretti: “Con Davide eravamo famiglia. Con un esame in più poteva essere salvato”

"La vita di prima non c'è più, ma nella nuova vita ci sono delle costanti e la mia è mia figlia Vittoria, che mi...

Commisso incontra Nardella a Palazzo Vecchio per discutere sul Franchi

Il presidente della Fiorentina Commisso è arrivato a Palazzo Vecchio per parlare assieme a Nardella dello stadio Franchi. Eccolo nel video di Radio Bruno...

CALENDARIO