Pantaleo Corvino inibito per due mesi e venti giorni. Il Tribunale nazionale della Federcalcio (TNF) ha deciso di sanzionare il dg della Fiorentina per il caso contro Federico Masi. Dal comunicato emerge quanto segue:

Corvino Pantaleo, all’epoca dei fatti Direttore Generale con potere di rappresentanza della società ACF Fiorentina Spa, a) della violazione di cui all’art. 1bis, comma 1, del CGS in relazione all’art. 30, comma 4, dello Statuto FIGC, in quanto eludendo il vincolo di giustizia presentava una denuncia/querela nei confronti di altro tesserato FIGC e ciò in assenza di formale autorizzazione da parte del Consiglio Federale della FIGC;

b) della violazione dell’obbligo di cui all’art. 1 bis, comma 3, del CGS, per avere rifiutato la dovuta collaborazione agli organi della giustizia sportiva in quanto, sebbene ritualmente convocato per due volte, e più precisamente per il giorno 09 agosto 2018 e per il 02 settembre 2018, ometteva di presentarsi al collaboratore della Procura Federale per rendere le dovute informazioni utili all’indagine, nella prima occasione adducendo un impedimento e in occasione della seconda convocazione senza esporre alcuna giustificazione;

Per il Sig. Pantaleo Corvino, inibizione di mesi 2 (due) e giorni 20 (venti) e ammenda di € 3.000,00 (Euro tremila/00);

MULTA ALLA FIORENTINA – Solo multa per responsabilità oggettiva alla Fiorentina:

ACF Fiorentina Spa, ai sensi dell’art. 4, comma 1 e 2, del CGS, a titolo di responsabilità diretta ed oggettiva in relazione alla condotta posta in essere dal proprio Direttore Generale Sig. Pantaleo Corvino con potere di rappresentanza della stessa.

Per la società ACF Fiorentina Spa, ammenda di € 14.000,00 (Euro quattordicimila/00); Dichiara la chiusura del procedimento nei confronti dei predetti.

Fonte: Calciomercato.com