Enzo Bucchioni è intervenuto di fronte alle telecamere di Italia 7: “Quello di oggi è un risultato importante. Prendiamoci questo punto, arrivato su un campo storicamente difficile ma contro una squadra, la Lazio, che oggi ho visto male come mai in questa stagione”.

Prosegue sulla squadra di Pioli: “Al netto di tutto, la Fiorentina l’avevo giudicata in crescita anche prima della rete del pareggio. E’ vero che peggio delle ultime gare non si poteva fare, ma nella costruzione della manovra e nella personalità di alcuni giocatori la squadra sta crescendo”.

Spende alcune parole anche per il calcio di rigore grazie al quale i viola sono riusciti a pareggiare in extremis: “Il rigore? Sono un fautore del VAR da sempre, serve per fare giustizia nel calcio. Se è intervenuto, evidentemente il fallo c’era. Poi è subentrata la freddezza di Babacar dal dischetto, per un punto che fa morale”.

E per Corvino: “Troppe critiche? Corvino nell’ultima intervista ha detto più o meno le stesse cose che dico io da tempo, ovvero che è stato sbagliato in sostanza il mercato estivo e che sarà necessario intervenire a gennaio, ma anche che è stato un errore abbassare il monte ingaggi a 35 milioni, portando la Fiorentina allo stesso livello del Chievo e dell’Udinese. Di errori ne sono stati fatti tantissimi. La Fiorentina merita di più, merita maggiori investimenti, maggiore puntualità sul mercato e la presenza della proprietà”.

Si sofferma sempre sul direttore generale dell’area tecnica: “La squadra è abbandonata a se stessa. Corvino dice che la società non è in vendita, ma dovrebbe dirlo la proprietà visto che dal comunicato dello scorso giugno i Della Valle non sono mai intervenuti per dire che non è così. Corvino è stato scelto da Diego Della Valle in persona proprio per un abbassamento dei costi della società. Purtroppo la Fiorentina sta vivacchiando”.

Conclude con una riflessione personale: “Il pareggio di oggi non me l’aspettavo e la squadra è sicuramente in crescita, ma non illudiamoci perché abbiamo affrontato la peggiore Lazio della stagione ed in ogni caso il livello di questa Fiorentina modesta resta lo stesso. Possiamo persino pensare che il peggio sia passato, anche se continuo a non credere all’Europa League”.

 

Comments

comments