Riscatto doveva essere e riscatto è stato. Forse non tanto nel gioco, con l’iniziativa a tratti concessa agli avversari (soprattutto nel primo tempo) e le non troppe occasioni create a fronte della gran mole di gioco e di possesso palla, ma quantomeno nel risultato. Infatti 3 punti non guastano mai, in particolar modo adesso che la Fiorentina, in virtù di questa vittoria, si porta momentaneamente a -2 dalla zona Europa mettendo così pressione all’Atalanta ed al Milan (rispettivamente impegnate in questo turno contro Palermo e Lazio).

Il leitmotiv della prima frazione è senza dubbio il possesso dei viola, tuttavia è necessario attendere il 41′ per assistere al meritato vantaggio della squadra di Sousa: è infatti Borja Valero che, quasi un anno dopo l’ultimo gol messo a segno in campionato, è abile a ribattere a rete dopo la traversa di Bernardeschi.

Nella ripresa parte forte l’Udinese ma sbatte subito su un super Tatarusanu: il portiere rumeno infatti al 48′ devia, con un grande riflesso, il colpo di testa ravvicinato di Duvan Zapata. Il raddopio della Fiorentina arriva al 61′ ed è finalmente il turno di Babacar: il gol è da attaccante vero infatti il senegalese è abile a liberarsi al limite dell’area e, complice la deviazione di Samir, riesce a mettere alle spalle dell’incolpevole Karnezis. Il risultato si fa ancora più rotondo all’80’: Bernardeschi, su punizione, trova la deviazione di mano di Fofana e per Mariani ci sono gli estremi per il calcio di rigore. Dal dischetto, come all’andata, si presenta il numero 10 che, spiazzando l’estremo difensore, sigla il suo 10^ gol in campinato.

Dopo 3 minuti di recupero arriva il fischio finale di questo anticipo che premia una Fiorentina vittoriosa (3-0) contro l’Udinese. Fra le note positive di questa serata da segnalare anche l’esordio in maglia viola di Riccardo Saponara.

Gianmarco Biagioni