Biraghi è uno di quelli che Pioli ha trasformato col lavoro duro. Un ex difensore che parla a un giovane difensore che forse a 25 anni sta trovando se stesso. Illuso dall’Inter e poi frullato in prestito in molteplici ovunque, Biraghi si stava infilando i panni del talento smarrito. (…) Certo, i giorni duri sul campo ci sono stati. E lo stesso Biraghi ne sa qualcosa. Fu lui a ribellarsi a una valanga di insulti piovutagli addosso sui social dopo la partita di andata col Chievo, quella dove aveva commesso errori (…) “Ai leoni da testiera dico di tapparsi la bocca”. Beh, e poi? Poi tanto lavoro e molto silenzio(…) Biraghi ha capito che la vita può girati le spalle, ma se corri forte il sorriso te lo puoi riprendere. Lo scatto in avanti del terzino, in fondo, somiglia alla storia di questa Fiorentina. Un piccolo miracolo, appunto.

L’articolo integrale su La Repubblica