Joe Barone, braccio destro del presidente della Fiorentina Rocco Commisso, ha parlato a margine della presentazione di Pedro:

“Ringrazio la famiglia e gli agenti del giocatore per il grande lavoro che avete fatto per portare Pedro, finalmente, con noi. Abbiamo aspettato fino all’ultimo per avere un grandissimo giocatore nella Fiorentina. Ringrazio anche Pradè per il grande lavoro che ha fatto per portarlo. Era un nome che dal primo giorno era nella lista dei nostri potenziali acquisti. Fin dalla prima riunione con il presidente Commisso. Pradè ci ha fatto il suo nome fin da subito. Anche il Fluminense ha fatto un grande lavoro e ci ha permesso di prenderlo. Abbiamo una grandissima partita da giocare contro la Juventus e finalmente, da venerdì, Montella avrà tutta la squadra per la prima volta a disposizione”.

C’è grande entusiasmo in città: “Siamo arrivati a 26mila abbonati, abbiamo ancora più fiducia in quello che stiamo facendo. Arrivare a questi numeri era molto difficile e vogliamo ringraziare tutti per l’energia che ci stanno dando. Ci permette di lavorare in modo particolare”.

Pedro è un acquisto che considerate alla base della Fiorentina del futuro?
“Tutti gli acquisti che abbiamo fatto in sinergia con Pradè sono state prese in vista del futuro della Fiorentina. Anche Pedro, che è un attaccante giovane, fanno tutti parte del futuro della squadra. Abbiamo costruito una base per costruire un futuro importante, anche con i giocatori della Primavera. Pedro serve per far crescere la Fiorentina e portarla più vicina al livello della città di Firenze. Portare un giocatore del suo livello alla Fiorentina è un valore aggiunto al pacchetto di giocatori che stiamo costruendo”.

Ha proposto ad Agnelli in un’intervista di fare il giro di campo insieme prima della partita contro la Juventus, lo farebbe davvero?
“Questa è una cosa impossibile. E’ stata una battuta in un’intervista che ho rilasciato ieri. Mi sono messo a ridere perché era davvero una battuta. Non lo farei neanche per 2 miliardi di dollari. Sono convinto che non lo farei per me stesso, non per i tifosi. Per il lavoro che sto facendo con il club viola. E’ una cosa importante che i nostri tifosi vengano protetti da parte nostra. Ci sono tante storie sulla nostra tifoseria, vanno protetti. Se sbaglia qualcuno non significa che sbagliano tutti”.

Tuttomercatoweb.com