9 Marzo 2021 · 09:05
10.2 C
Firenze

Astori morto per tachiaritmia. Si sarebbe salvato se avesse avuto un compagno a fianco

Forse Davide Astori poteva salvarsi. Inutile giocare con i “se” e i “ma” quando di mezzo c’è la morte, certo. Soprattutto se avviene in maniera così improvvisa e assurda. ma l’ex capitano della Fiorentina, trovato esanime dai suoi compagni la mattina del 4 marzo scorso a Udine, non è morto – come si pensava – per via del rallentamento del battito cardiaco che l’ha portato alla morte. Ma – secondo l’autopsia dei medici, anticipata dal Corriere – per l’esatto opposto: “tachiaritmia”, cioè una accelerazione improvvisa del battito cardiaco.

Il fatto è che, secondo il quotidiano di via Solferino, se Astori avesse condiviso con qualcuno la camera quella notte all’hotel “Là di Moret” a Udine, forse sarebbe stato possibile salvarlo: serviva però qualcuno che potesse almeno lanciare l’allarme. Prima di quella notte, è l’ipotesi dei medici legali Carlo Moreschi e Gaetano Thiene, il capitano della Fiorentina non avrebbe mai sofferto della malattia che l’ha strappato all’affetto dei cari. Evento unico e letale. Ora la perizia dell’autopsia è sul tavolo del pm Barbara Loffredo che indaga sul decesso del calciatore.

“Non posso anticipare nulla – ha detto con prudenza il procuratore di Udine, Antonio De Nicolo -. Posso solo dire che sul caso è aperto un fascicolo a carico di ignoti. La collega sta studiando il documento. Non appena il lavoro sarà terminato decideremo se proseguire l’indagine o chiedere l’archiviazione”.

Ilgiornale.it

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO