Dopo l’addio di Gonzalo e quello imminente del sindaco Borja, oltre al poco rimpianto Ilicic, Firenze si interroga alternando sfiducia, depressione e qualche impennata di orgoglio mista a speranza. In realtà molti tifosi si chiedono cosa stia succedendo ormai da un bel po’, più o meno dal mercato invernale di un anno e mezzo fa. Per questo tocca alla Viola dare il prima possibile dei segnali incoraggianti.

Che sarebbe stata rivoluzione lo si sapeva. Ma perdere buona parte dei punti cardine della squadra contemporaneamente l’ha forse accelerata in maniera troppo decisa rischiando di destabilizzare anche il più incallito degli ottimisti. Corvino ha provato a tamponare la sfiducia generale presentando nei tempi stabiliti il nuovo tecnico, Pioli, e buona parte della futura difesa. Da Vitor Hugo a Bruno Gaspar passando per Milenkovic. Ha funzionato fino ad un certo punto. Perché l’assalto delle grandi ai big viola pone luce sul gruppo che fu, rischiando di gettare ombre su quello che verrà. Tocca al direttore dell’area tecnica costruire una Fiorentina scintillante in grado di riportare i tifosi allo stadio, aprendo un nuovo, ennesimo, ciclo.

La piazza non è contenta e la corsa al contrario per sostenere l’abbonamento per la prossima stagione lo dimostra ampiamente. Oggi parte della squadra si radunerà entro le 17 al centro sportivo dando il via alla stagione. Poco dopo, alle 19.30, alcuni calciatori si concederanno ai tifosi in due luoghi simbolici. Saponara e Bruno Gaspar al Fiorentina Store Stadio. Sportiello e Vitor Hugo al Fiorentina Store Duomo. Eventi ideati in teoria per portare gioia avvicinando i giocatori alla gente. Foto, selfie, autografi. Idee che ora possono venir buone anche per misurare il grado di affetto intorno alla nuova Fiorentina. Ed al cantiere dei super lavori in corso che la circonda. Sfiducia, attesa e barlumi di speranza si alternano tra i sostenitori. Come riportare i sorrisi? La ricetta è la stessa. Parlar chiaro e comprare giocatori forti. Pare semplice, non è detto lo sia.

La Gazzetta dello Sport

Comments

comments