Una Fiorentina da ricostruire, quasi completamente, partendo dai pochi elementi che il mercato non ha scalfito. Perché i viola questa estate, appena sentono suonare le sirene del mercato, vendono senza pensarci troppo.

Obiettivo incassare, dunque, mantenendo il monte ingaggi inalterato e la rosa numericamente completa. Un “progetto” che, sulla carta, non dovrebbe regalare molte gioie ai tifosi quest’anno (per usare un eufemismo), a meno di exploit inaspettati degli acquisti di Corvino ovviamente.

Ma dicevamo dei pochi elementi che rimarranno in rosa anche durante la prossima stagione. Uno su tutti è Chiesa, unico blindato insieme ad Astori, e destinato ad essere un giocatore chiave della formazione gigliata almeno fino al prossimo giugno. A lui si aggiungono anche Saponara e, se Kalinic dovesse essere sostituito da una scommessa, Babacar.

Tre calciatori intorno ai quali potrebbe girare il 4-2-3-1 di Pioli. Tre giocatori che durante le loro carriere (più lunghe quelle di Saponara e Babacar, brevissima quella di Chiesa) sono riusciti a farsi notare, ma mai ad esplodere definitivamente.

Eppure tutti e tre fanno intravedere ottime qualità che, azzardando una stima generica, potrebbero portare ai viola almeno una quarantina di gol. Numeri che, ovviamente, potrebbero essere raggiunti solo se Chiesa, Saponara e Babacar dovessero fare il decisivo salto di qualità.

La speranza della Fiorentina attualmente risiede in loro, incrociando le dita e pregando per un exploit “alla Salah” di una delle scommesse di Corvino, ad esempio Zekhnini che, al momento, completa il reparto offensivo.
Tommaso Fragassi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.