Oltre l’onta sportiva e legale anche la beffa del caso, con tanto di ironia sui social. E’ quanto sta accadendo a Roberto Bettega, ex Dirigente della Juventus, dal passato sportivo non esattamente cristallino. Bettega si è ritrovato al centro di una brutta storia, fatta di furti di opere d’arte e compravendite illegali. Questa volta, va detto, l’ex Juventus risulta essere parte lesa. Tra le lussuose stanze della sua abitazione, le forze dell’ordine hanno ritrovato un quadro di Chagall dal valore di circa un milione e duecentomila euro. Nulla di irregolare, fin qui. Peccato che il quadro – un vero pezzo di storia dell’arte – fu rubato nel 2002. Il furtoavvenne nel porto di Savona, ai danno di un miliardario americano che, successivamente, ne denunciò la perdita riscuotendo un cospicuo premio assicurativo. Il quadro, quindi, finì in una galleria d’arte di Bologna che, con un escamotage, riuscì a rivendere il quadro legalmente proprio a Roberto Bettega alla modica cifra di 1,2 milioni di euro. Insomma, una madrakata da film.

Internapoli.it