fbpx
26 Settembre 2022 · 02:50
15.8 C
Firenze

Presidente Sampdoria rivela: “Torreira è stato vicino a tornare, non abbiamo pareggiato offerta Gala”

Lucas Torreira è stato il protagonista dell'ultima stagione della Fiorentina, poi non riscattato dalla società viola, ne parla anche Lanna

Il presidente della Sampdoria Marco Lanna, questa mattina, ha convocato una conferenza stampa per presentare la stagione 2022/2023 e per parlare delle tante tematiche inerenti al mondo blucerchiato, a partire dalla questione cessione del club. Le sue dichiarazioni:

“Sono passati sette mesi dall’insediamento, volevo fare il bilancio di tutto quello che abbiamo fatto e di quello che faremo. Sono tanti i temi che voglio affrontare a nome di tutto il CdA” attacca Lanna. “È stato un CdA creato in emergenza, per senso di responsabilità e con lo scopo di fronteggiare una situazione finanziaria complessa e preoccupante. E volevamo auspicare la cessione del club. Venivamo da due anni di Covid, abbiamo avuto una riduzione degli introiti tra i 10 e 15 milioni di ricavi per biglietteria e ricavi commerciali, ma anche per la parte legata al trading player. Servivano azioni che permettessero continuità per finire la stagione nel migliore dei modi”.

BILANCIO – Lanna il board doriano sono stati impegnati in un’opera di salvataggio: “Il bilancio 2021 ha registrato una perdita di poco più di 20 milioni di euro, da lì abbiamo dovuto mettere in atto una serie di azioni per trovare una finanza da trovare durante l’anno. Le scadenze non erano al 30 giugno, ma molto prima. Gli obiettivi erano il mantenimento della categoria, la tutela finanziaria e del marchio Sampdoria. Tutto ciò per preservare il valore della società e permettere al trustee di portare avanti il processo di vendita. Abbiamo ridotto i costi operativi, alcune uscite di calciatori anticipate (vedi Caprari). I risultati della prima squadra non hanno aiutato questo processo, hanno portato all’esonero di D’Aversa a cui va il nostro ringraziamento. In funzione di questo abbiamo cercato di intervenire sul mercato rinforzando la squadra ma senza indebitarci. Il risultato è stato buono dal punto di vista finanziario e tecnico. Siamo riusciti a ridurre a gennaio il monte ingaggi di un milione, portando a casa giocatori importanti come Conti, Sabiri, Rincon e Sensi. Soprattutto Sabiri, pagato un milione di euro. Abbiamo dato al trustee tutti gli strumenti necessari per creare la data room, dove ci sono tutti gli strumenti che permettono agli acquirenti di valutare l’acquisto della Sampdoria”.

PROSSIMA STAGIONE –  I programmi per il campionato che sta per iniziare sono noti: “La prima squadra di è salvata, con tutta la sofferenza e la complessità che ci sono state. Prima della gara contro la Fiorentina ci sono stati momenti drammatici, dormire è stato complesso. Ma la salvezza è arrivata, la Primavera ha raggiunto i playoff, le Women si sono salvate con cinque giornate di anticipo e una squadra costruita in venti giorni”

MOVIMENTI DI MERCATO – La Samp di Lanna si è mossa sul mercato con una strada ben precisa: “Inizialmente abbiamo pensato di sfoltire una rosa troppo ampia, in ritiro eravamo tanti. Ci sono state delle uscite, ma nessuna è stata fatta obbligatoriamente nei confronti del giocatore. Hanno deciso tutti. Nessuno è stato cacciato via. L’obiettivo della campagna acquisti era quello di cedere qualche giocatore per ricavare finanza per le operazioni in entrata. Operazioni volte ad alzare il livello della squadra: Djuricic, Villar che abbiamo seguito già a gennaio. Sono giocatori che portano qualcosa in più a livello tecnico. Il mercato è ancora aperto e non ci fermeremo, chiedo solo pazienza ai tifosi perché alcune trattative richiedono tempo. Il campionato inizia presto, è vero, ma vi assicuro che coglieremo le occasioni che ci saranno, se saranno funzionali”.

La Samp ha trattato anche Torreira: “È stato vicino, ma era un’operazione troppo onerosa. È sempre stato un giocatore importante, non siamo riusciti per una ragione economica a pareggiare le offerte fatte dal Galatasaray al calciatore. A centrocampo manca qualcosa, ma ci stiamo lavorando. I tempi a volte sono lunghi perché gli obiettivi che ci siamo prefissati riguardano calciatori importanti”.

LA SITUAZIONE PER IL RINNOVO DI MILENKOVIC

Nazione, Milenkovic in stand by, rinnovo o cessione: decisivi i prossimi giorni

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO