Doveva essere una gara diversa da quella d’andata giocata a inizio settembre e così è stato. Contro la Georgia l’Italia trova una vittoria netta che fa bene non solo alla classifica – le azzurre ora sono prime solitarie con cinque vittorie in altrettante gare , ma anche al morale dopo un inizio sì vincente, ma mai realmente convincente. Un 6-0 con cinque marcatrici diverse, ma anche due note negative come gli infortuni di Gama e Linari.

Continua a leggere dopo la pubblicità

AVVIO SPRINT – Al 4° arriva la prima occasione con Sabatino che da due passi colpisce il palo a porta sguarnita. È solo il preludio della pioggia di gol con Elena Linariche al 10° sblocca la gara segnando il suo primo gol in azzurro con un preciso colpo di testa su cross di Cernoia. Al 24° arriva il raddoppio grazie alla rete di un altro difensore come Alia Guagni che di testa gira a rete un cross di Sabatino. Tre minuti dopo arriva anche il tris che porta la firma della solita Cristiana Girelli che in diagonale batte Gabunia.

SABATINO SHOW – Il finale è invece targato Daniela Sabatino che segna due volte nell’ultimo quarto d’ora: al 31° sfrutta al meglio una corta respinta del portiere avversario per battere a rete da due passi, allo scadere invece sfrutta un cross per fissare il risultato sul 5-0.

SI CHIUDE IL SET – Giugliano arriva sul fondo e crossa in mezzo un pallone basso, la difesa non riesce a respingere e Rosucci appostata bene dentro l’area piccola ne approfitta battendo per la sesta volta Gabunia con un preciso diagonale sul palo lontano. Due minuti dopo Girelli prova il tiro a giro dal limite dell’area colpendo l’incrocio dei pali. L’Italia continua a spingere per incrementare il bottino, anche dopo gli ingressi di Deborah Salvatori Rinaldi – all’esordio – e Arianna Caruso con la difesa georgiana che regge seppur in continuo affanno come dimostra al 75° Salvatori Rinaldi che sfiora il gol con una rovesciata perfetta che finisce di poco a lato. L’ultima occasione è targata invece Girelli che manda di un soffio a lato una punizione dal limite.

NOTE NEGATIVE – Due infortuni, entrambi in difesa, macchiano la serata di Benevento. Se quello accusato nel primo tempo da Sara Gama non sembra di grave entità, con la giocatrice che è uscita sulle proprie gambe, più grave appare quello subito da Alia Guagniin uno scontro di gioco poco dopo il 70°. Il terzino infatti è stata portata fuori a spalla dai massaggiatori per un problema al polpaccio la cui entità si conoscerà solo nei prossimi giorni. Per lei è quasi certo il ritorno a Firenze nella giornata di domani.

Tabellino:

Italia (4-4-2): Giuliani; Guagni, Gama (dal 29° Fusetti), Linari, Bartoli; Galli, Rosucci (61° Caruso), Giugliano, Cernoia; Sabatino (53° Salvatori Rinaldi), Girelli. A disposizione: Aprile, Piazza, Bergamaschi, Boattin, Tucceri Cimini, Marinelli, Greggi, Glionna, Tarenzi. Ct Milena Bertolini

Georgia (5-4-1): Gabunia; Pasikashvili, Kalandadze, Sutidze, Tatuashvili, Raukh; Bakradze, Todadze, Matveeva (72° Cheminava), Tchkonia (54° M. Danelia); Chichinadze (85° N. Danelia). A disposizione: Sukhashvili, Gabelaia, Kadagishvili, Chkhartishvili, Tsotseria, Khaburdzania. Ct Levan Bajelidze

Arbitro: Iuliana Demetrescu (ROM)

Marcatrici: 10° Linari, 24° Guagni, 27° Girelli, 32°, 46° Sabatino, 51° Rosucci

Ammonite: 49° Pasikasvhili, 80° Todadze

Tuttomercatoweb.com