27 Settembre 2021 · 00:10
17.7 C
Firenze

Cosa ci hanno detto le scommesse sportive sulla panchina viola 2021/2022? 

Vincenzo Italiano nuovo allenatore della Fiorentina dopo l’addio di Gattuso. Ma quali erano le altre possibili scelte quotate dai bookmakers?

Moena, stadio Benatti, 30.07.2021, amichevole Fiorentina, foto Lisa Grelloni. Copyright Labaroviola.com

Quella della Fiorentina è stata una delle panchine più bollenti ancora prima dell’inizio del campionato, per la gioia dei bookmakers, che si sono sbizzarriti ad individuare i nomi degli allenatori papabili per la panchina viola.

È ormai ufficiale che l’ex tecnico della Spezia, Vincenzo Italiano, guiderà il club toscano nella nuova stagione, dopo l’improvviso addio di Rino Gattuso, che è andato via solo dopo un unico mese.

Ma come è stato vissuto questo celere e rocambolesco cambio dal mondo delle scommesse sportive?

Il toto nome sulla panchina della Fiorentina: i papabili

Gli esperti del settore, sulla panchina del club gigliato, si sono davvero sbizzarriti sventagliando una lista di nomi di allenatori papabili, prima che arrivasse la conferma della scelta di Italiano, e soprattutto all’interno dei siti di scommesse sportive online, è impazzato il toto nome.

L’abbandono di Rino Gattuso infatti, avvenuto come un fulmine a ciel sereno a metà Giugno a causa di insanabili divergenze con la società viola su questioni relative al mercato, è stato un duro colpo per la squadra della Fiorentina, che si è vista costretta a dover programmare nuovamente il proprio futuro per la nuova stagione. Il rapporto è stato così interrotto di comune accordo, ancora prima di cominciare.

Tra i nomi favoriti degli allenatori rimasti liberi, il più gettonato è stato quello di Claudio Ranieri, quotato a 3: se la scelta fosse caduta realmente su di lui, si sarebbe trattato di in un ritorno dopo 24 anni. Ranieri infatti, fu proprio il tecnico che riportò non solo la Fiorentina in Serie A, ma vinse anche una Coppa Italia.

Ma Ranieri è stata affiancato anche da altri due nomi, ossia quello dell’ex tecnico della Roma, Rudi Garcia, e quello di Beppe Iachini. Anche nel caso di Rudi sarebbe stato un ritorno, ma in questo caso in Serie A, visto che mancava dal 2016, dopo la parentesi con il Lione, e avrebbe debuttato nuovamente con vivo piacere. Nel caso di Iachini, parliamo di un vero e proprio veterano: se fosse stata lui la scelta, si sarebbe trattata della terza avventura sulla panchina viola.

Tra i nomi è stato azzardato anche quello di Daniele De Rossi, reduce dallo staff della panchina di Roberto Mancini, fresco campione d’Europa con la sua Nazionale. In verità, lo stesso De Rossi avrebbe rifiutato le avance della Fiorentina in quanto privo di patentino per allenare. Post europei la situazione è cambiata, ma è più probabile che l’ex giallorosso opti per un esordio in serie A con una squadra al pari di quella con cui ha esordito Andrea Pirlo, tra l’altro candidato anche lui al toto nomi.

Vincenzo Italiano: una scommessa per la Fiorentina

La scelta di Italiano, non si è rivelata di certo una passeggiata per la società viola, soprattutto a causa dei rapporti, non proprio pacifici, tra Fiorentina e Spezia, tanto che a giugno si parlava già di una trattativa interrotta.

Uno degli elementi su cui però il club fiorentino ha cercato di far leva, è stata l’avversione dei tifosi spezzini nei confronti di Italiano, con il quale il legame, all’interno dell’ambiente, era già incrinato da tempo.

Ma ad oggi Vincenzo Italiano è a tutti gli effetti l’allenatore della Fiorentina.

“L’accordo decorre dal 1° Luglio 2021 e prevede una durata biennale fino a Giugno 2023 con opzione per un ulteriore anno di contratto”, ha comunicato con una nota sul proprio sito il club viola, aggiungendo un caloroso benvenuto al nuovo allenatore.

Il cambio di panchina, è costato davvero caro a Vincenzo Italiano, e non solo metaforicamente: il tecnico infatti, ha dovuto pagare una clausola rescissoria di 1 milione di euro pur di dare il suo importante contributo e sposare la causa viola.

La società, adesso, potrà concentrarsi sul mercato seguendo le direttive del nuovo tecnico così da poter rinforzare la propria rosa e cercare di giocare una stagione nettamente migliore della precedente, che si è rivelata davvero sotto le aspettative. L’obiettivo primario è quello di riuscire a conquistare un piazzamento europeo per la nuova stagione.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO