Dopo la pioggia, sembra tornare il sereno… Ovviamente non sotto tutti i punti di vista, poiché su Moena continuano ad imperversare consistenti perturbazioni, ma l’intero ambiente viola pare finalmente proiettato fuori dalla situazione di stallo che ha caratterizzato l’ultima settimana.

Giornate lunghe, agoniche, snervanti se non addirittura stressanti. Ecco che quindi l’acquisto di Federico Ceccherini, ufficializzato nel tardo pomeriggio, viene accolto come manna dal cielo… Come una boccata d’ossigeno con cui riempirsi i polmoni dopo questi interminabili giorni vissuti con il fiato sospeso, tra l’attesa della pronuncia del Tas di Losanna (per la quale sarà necessaria avere ancora un po’ di pazienza) ed un mercato ancora avaro di emozioni. 

I segnali che potevano far ben sperare, però, c’erano tutti. Una squadra che si allena con grande entusiasmo e sempre con il sorriso sulle labbra, agli ordini di un mister più che mai motivato, ed un pubblico finalmente partecipe e partecipativo, seppur non ancora numeroso, sembravano solo il preludio all’annuncio che sarebbe arrivato di lì a poco. 

L’ex difensore del Crotone, dopo Lafont, è il secondo innesto con il quale la società risponde agli appelli dell’allenatore. L’auspicio, in attesa di ulteriori sviluppi, è che l’eco delle parole pronunciate da Pioli (“La squadra è ancora incompleta”) si estenda dalla Val di Fassa fino al capoluogo toscano, in modo la squadra di mercato continui a lavorare allo scopo di puntellare quei reparti che ad oggi presentano ancora delle lacune.

Comments

comments