7 Luglio 2020 · 11:13
23.9 C
Firenze

Che fine ha fatto El Hamdaoui? Dal gol al Milan passando da Cesena fino a tornare in patria..

Munir El Hamdaoui nasce a Rotterdam, Olanda, nel 1984 e inizia a giocare a calcio nell’Excelsior, squadra della sua città. Con i rossoneri gioca 4 stagioni esaltanti tanto da essere soprannominato “Il mago di Kralinger” e realizza 32 reti in 74 presenze.

Su di lui cadono gli occhi degli osservatori del Tottenham che lo portano a Londra nell’estate del 2005. Il ragazzo però gioca solo partite amichevoli e viene girato in prestito al Derby Country. A causa dei tanti infortuni, anche li risulta un mezzo fiasco e accumula soltanto 3 gol in 9 presenze.

Il ragazzo di origini marocchine torna allora in patria dove giocherà con il Willem prima e l’AZ poi. E’ proprio in quest’ultima squadra che si consacra, sfornando prestazioni magistrali e segnando 49 reti in 81 partite. L’anno dopo, all’Ajax, arriverà addirittura a segnare una rete ogni due match giocati.

Il 31 gennaio 2012 avviene uno degli avvenimenti più bui e duri della storia della Fiorentina. Il ragazzo, dopo essere stato cercato e sentito innumerevoli volte, raggiunge un accordo con i viola che decide finalmente di acquistarlo. L’Ajax però, a pochi minuti dal termine della sessione invernale di calciomercato, decide di chiedere una fideiussione bancaria che determinerà il mancato arrivo di El Hamdaoui a Firenze.

La Fiorentina però è nel destino del Mago, che decide di accasarsi sulle rive dell’Arno l’estate successiva. A Firenze però è dura trovare spazio, è l’anno dei cambiamenti e del Tiki Taka di Montella, con Jovetic e Toni che non si vogliono far scavalcare nelle gerarchie. La prima rete con il giglio sul petto sarà a S.Siro contro il Milan dove segnerà il definitivo 1-3 grazie a un tiro a giro sotto l’incrocio.

A fine anno va in prestito al Malaga e da li nuovamente a Firenze. Alla Fiorentina però non ha nulla da dire e Montella non sembra più intenzionato a dargli fiducia. Il 14 dicembre però, causa qualche infortunio di troppo, viene nuovamente chiamato in causa e, subentrato a Borja Valero, segna la rete del definitivo 1-4 contro il Cesena.

Dopo aver girato il mondo e aver giocato in Quatar e Arabia Saudita, si trova oggi al Twente, nella sua terra d’adozione.

Matteo Fabiani

CONDIVIDI

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Sportmediaset, Fiorentina in pressing su Salisu. In Italia su di lui c’è anche il Napoli

Ci sarebbe anche la Fiorentina su Mohammed Salisu, difensore centrale del Valladolid. Tra i tanti club della Premier che vorrebbero metterlo in rosa. In...

Furto a casa di Ribery, l’allarme sarebbe risultato disinserito. Le ultime sulle indagini

Il furto a casa di Ribery sembra essere avvenuto nella notte di sabato ma il francese l'ha scoperto solo nella tarda serata di domenica,...

CALENDARIO