La tragica morte del tifoso fiorentino Marco Ficini ha senza dubbio fatto eco nel mondo del tifo organizzato. Il quarantunenne si trovava infatti a Lisbona per celebrare il gemellaggio che da anni lega la frangia più calda del tifo viola a quella dello Sporting, un’usanza nota e diffusa comune a molte tifoserie italiane e non solo.

Ecco che quindi la decisione della curva Fiesole di non esporre alcun vessillo e di non intonare alcun coro per tutto l’arco dei 90 minuti, fatta eccezione per un commovente “MARCO VIVE CON NOI“, è stata accolta con favore anche dai rivali nerazzurri che, nella serata di ieri, hanno fatto altrettanto esponendo, nel settore a loro riservato, un unico striscione con il quale si univano al cordoglio della famiglia viola duramente colpita dal drammatico evento.

Tuttavia non solo la tifoseria nerazzurra ha manifestato la sua vicinanza alla famiglia di Marco ed a tutto il mondo del tifo fiorentino infatti, anche nel corso di questa domenica, in diversi campi, dalla Serie A alla Lega Pro, sono comparsi diversi striscioni in ricordo di Marco.

In primis a Vibo Valentia dove i tifosi del Catanzaro in trasferta, anch’essi gemellati con i viola, hanno ricordato Ficini con uno striscione che recitava: “CIAO MARCO FRATELLO VIOLA“. Anche i tifosi del Napoli, quest’oggi in trasferta a Sassuolo, hanno esposto uno striscione sugli spalti del “Mapei Stadium” con su scritto: “R.I.P. MARCO“. Il cordoglio ha inevitabilmente oltrepassato anche i confini nazionali, con lo stadio “José Alvalade”, teatro proprio del derby portoghese tra Sporting Lisbona e Benfica, che ha osservato un commovente minuto di silenzio in memoria di Marco.

Gianmarco Biagioni

Comments

comments