Enzo Bucchioni è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno: “Quando dici le cose vere i tifosi capiscono, ma se vendere Bernardeschi venderlo non avrebbe inciso più di tanto per i tifosi perché il concetto che è sempre passato è quello che lui voglia andare via, per Borja Valero non hanno calcolato l’affetto della tifoseria verso questo giocatore. In questo momento specifico non venderei Borja, la Fiorentina sta smantellando e la sensazione di tutti è quella principalmente di vendere e prendere solo ragazzi. Perché andare ora a venderlo? Se fossi la società prima comprerei 2-3 giocatori, visto che la piazza è in agitazione e a Corvino di venderlo il 30 agosto, ma non hanno mai i tempi e la dialettica giusta”.

Prosegue sempre sulla situazione di Borja Valero: “La Fiorentina non mai ha detto che Borja Valero chiede il prolungamento del contratto da mesi fino al 2021. Per quale motivo però lo spagnolo pretende un contratto di due anni più lungo rispetto all’attuale se sei così innamorato di Firenze?”.

Prosegue su Gonzalo: “Lo stesso ragionamento fatto per Gonzalo è stato fatto per lo spagnolo, puramente mercantile. Se lo vendi risparmi otto milioni di ingaggio e ne ricavi sei dalla cessione, ma questo è un grosso limite”.

Conclude con un pensiero su Scalera: “Scalera? La trattativa è saltata per un cappuccino e due brioche, anche qui la Fiorentina ha commesso un grosso errore”.