Kharja: “La Fiorentina è peggiorata negli ultimi anni, prima era sempre al vertice…”

"Quando sono arrivato a Firenze i tifosi se la prendevano con i nuovi. Nello spogliatoio nessuno si parlava"

0
260

Houssine Kharja, per oltre dieci anni nel calcio italiano senza aver lasciato un segno indelebile pur avendo vestito fra le tante anche le maglie di Roma, Inter e Fiorentina, commenta la situazione attuale della squadra di Paulo Sousa e svela alcuni retroscena sul periodo trascorso in viola: “Segue ancora con molto interesse la Serie A, visto che mi sono trovato in ogni squadra in cui ho giocato. La Juventus ormai domina da anni anche perché è un passo avanti a tutti sul piano dell’organizzazione societaria. Io sto attualmente valutando l’opportunità di giocare in Marocco, dato che il mio contratto con la Steaua Bucarest è appena scaduto”.

Prosegue sulla Fiorentina: “Fino a qualche anno fa pensavo che la Fiorentina potesse sempre lottare per le posizioni di vertice. Adesso è molto meno forte rispetto a due anni fa, nonostante abbia giocatori importanti del calibro di Kalinic, Bernardeschi e Borja Valero. Non riesco a capire il motivo per il quale non riescano mai a fare il passo avanti decisivo che li permetterebbe di maturare”.

Prosegue sulla sua esperienza a Firenze: “Il periodo a Firenze e la storia del treno? Sicuramente ho fatto degli errori ma sapevo, quando sono arrivato qui, che sarebbe stato un anno di transizione dopo l’era Prandelli. Già dall’inizio dell’anno i tifosi se la prendevano soprattutto con i giocatori nuovi e con Mihajlovic. Nello spogliatoio nessuno si parlava. Mi dispiace di non essere riuscito a mettere le mie qualità a disposizione della squadra, soprattutto perché credevo al progetto della Fiorentina…”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.