SOUSA: “IO ALLENO, LA SOCIETA’ DECIDE SUL MERCATO. IL GIOCO E’ LO STESSO DELL’ANNO SCORSO, LA DIFFERENZA…”

0
403

Queste le parole di Paulo Sousa alla vigilia di Fiorentina-Crotone.

Sul match contro il Crotone e sui cali di tensione

“Nessun giocatore può permettersi di abbassare il ritmo e perdere la concentrazione, perché non abbiamo i singoli che possano ribaltare le partite anche quando la squadra non è al top. Non possiamo fare come contro il Verona l’anno scorso”.

Su Hagi e Diks

“Sono giocatore che stiamo cercando di integrare, perché ci possono aiutare nel futuro più breve possibile. Sono giocatori diversi, di Hagi ho già parlato. Kevin è un giocatore lineare, con un cambio di velocità importante ma che ha bisogno di migliorare tantissimo in fase difensiva, deve imparare a capire il nostro modo di difendere”.

Sulla difesa a quattro

“Alonso a livello difensivo era superiore, Maxi Olivera è molto più offensivo, ha più spinta e si deve ancora inserire nel calcio europeo. Le linee e la difesa sono le stesse dell’anno scorso, è la bravura dei giocatori che fa la differenza”.

Se si sente di aver ritrovato la “sua” Fiorentina

“A Cagliari siamo stati molto più continui, a tratti ho visto la mia Fiorentina. L’influenza dei singoli è importante per noi, quando i nostri non sono in forma andiamo in difficoltà. Il gioco è una cosa, quello è il solito, i risultati sono un’altra cosa, quelli arrivano se siamo intensi”.

Sul futuro della stagione

“Dobbiamo solo continuare ad essere intensi e convinti nelle nostre qualità, per far sì che il nostro gioco ci faccia anche vincere”.

Sulle condizioni della squadra

“Sanchez, Salcedo e Bernardeschi sono usciti da Cagliari un po’ acciaccati

Su Capezzi

“La questione su cui sono stato più influente da quando sono arrivato è stato per Kalinic. La società ha sempre cercato di mantenere la grande maggioranza dei giocatori. Non ho avuto nessuna influenza per le cessioni e gli acquisti, io ho solo dato un giudizio, ma è il direttore con la società che prendono e vendono i giocatori, io alleno e basta”.

Su Badelj

“Con lui, come con tutti, dobbiamo lavorare. Non sto parlando di lui nello specifico, sono diversi infatti i giocatori che stanno rendendo come dovrebbero”.

Ancora sul Crotone

“Il pronostico dice anche che il Crotone ha segnato in ogni partita tranne una. Loro devono salvarsi, hanno fame di sopravvivenza e se noi non riusciremo ad avere la stessa loro intensità avremo difficoltà. L’ho già detto alla squadra”.

Tommaso Fragassi

 

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.