Così Stefano Pioli alla vigilia della partita di domani contro l’Atalanta.

“Simeone e modulo?

Sono soddisfatto delle sue prestazioni. Sono sorpreso dai commenti sul modulo perché prima della Juventus una certa manovra eravamo riusciti a crearla, ed anche a Torino in fondo ci sono state. Ciò non toglie che stiamo cercando meccanismi migliori.

Benassi?

Al di là delle caratteristiche dei singoli, noi giochiamo con il trequartista. Benassi fino ad oggi non è stato provato tra i mediani perché in quel ruolo ho quattro giocatori di cui mi fido. Benassi è abbastanza intelligente da poter giocare ovunque. In ogni caso non ho avuto il tempo di provarlo mediano.

Infortunati?

La squadra sta bene, i giocatori scesi in campo nelle ultime due partita hanno recuperato, e ho intenzione di cambiare poco.

Gil Dias?

Gil ha già giocato dal primo minuto, giocando una buona partita. Poi ho fatto altre scelte, ma è un atleta che se diventa più concreto all’attacco può diventare un elemento importante.

La Juventus ha lasciato più certezze o più rammarico?

Sono sicuro di aver fatto una buona prestazione, non siamo usciti con il morale a terra, anzi, siamo usciti con convinzione e fiducia.

L’Atalanta?

Gasperini sta dimostrando tutto il suo valore, quest’anno sta confermando la compattezza, diventando inoltre più pericolosa. Sarà importante muoversi bene quando abbiamo la palla.

La velocità della palla?

Vogliamo provare a giocare palla a terra e sempre più veloce. A volte la circolazione della palla non è stata così veloce a causa degli avversari, ad esempio Sampdoria e Bologna che ci hanno aspettati. Dobbiamo certamente migliorare però, ma abbiamo le caratteristiche per giocare un certo tipo di calcio.

Gasperini?

Gasperini è un ottimo allenatore, ognuno ha la sua carriera, ed il calcio è fatto di momenti, e lui può essere soddisfatto di ciò che ha fatto. E’ veramente capace, gli mando i complimenti.

Domani?

Abbiamo avuto tre giorni per preparare la gara, ma non è un problema, per questo infatti insisteremo sulle nostre posizioni.

Ancora sull’Atalanta

Cercano di aggredire, pressare, la soluzione è muoversi tanto senza palla. Sarà anche una partita di duelli, chi recupererà più palloni potrà vincere. Sarà uno scoglio difficile da superare, ma ci proveremo.

L’anno scorso la mia vittoria contro l’Atalanta?

Una partita irripetibile, perché abbiamo fatto nove tiri e sette gol, sono partite fortunate, in cui ti riesce tutto.

Chiesa?

Ha avuto un malessere a metà primo tempo contro la Juventus, ma sta bene. E’ giovane, è normale che ogni tanto non si riesca a esprimere al meglio. Non dimentichiamo contro chi abbiamo giocato mercoledì.

Domani esame più importante rispetto alla Juventus in chiave E.L?

Ci troveremo spesso a dire che ogni partita sarà un esame importante. In questo momento il match di domani è il più importante, ma è l’occasione per dimostrare che ci siamo.

L’assenza di Badelj?

Ha caratteristiche particolari, ma chi giocherà domani metterà a disposizione le sue qualità.

Laurini?

Ieri era a parte, oggi si è allenato con la squadra, mi ha dato buoni segnali, ma aspetterò fino a domani mattina. Se non fosse a disposizione potrei pensare a Gaspar, oppure a Pezzella sulla destra.

Ipotesi Babacar e Simeone insieme?

Sono due prime punte, in qualche partita potremmo giocare con due punti, e domani potrebbe presentarsi l’occasione. I cambi mercoledì non mi hanno soddisfatto pinamente, quindi domani saranno importanti anche i cambi.

Tommaso Fragassi

Comments

comments