Sportiello 5 Non esente da colpe sul gol dell’1-0 ospite, può fare poco sul calcio di rigore. Rimandato.

Tomovic 4.5 Causa il calcio di rigore e perde Caprari nell’azione dell’1-0 blucerchiato. (Dal 45′ Gaspar 6 Serve subito l’assist per Badelj, poi si perde un po’ con qualche errore di troppo).

Astori 6 Salva il salvabile, lottando come un vero capitano.

Pezzella 5.5 Fatica su Quagliarella e Caprari, nel secondo tempo non riesce a deviare in rete davanti a Puggioni.

Biraghi 5.5 Attento e concreto in fase di copertura, meno in fase di impostazione, soprattutto sui cross.

Veretout 6 Alterna buoni disimpegni ad alcune leggerezze a centrocampo. Sufficienza scarsa.

Badelj 6.5 Geometrie al servizio della squadra e un gol che, per un attimo, riaccende le speranze viola.

Chiesa 6 Sufficienza per la grinta e lo spirito di sacrificio. Un po’ di precisione in più sotto porta, però, non guasterebbe.

Benassi 5.5 Si scioglie con il tempo, trovando una discreta intesa sia con Simone, sia con Chiesa. Male i primi 45′. (Dal 74′ Babacar 6 Ha sui piedi il pallone del possibile pareggio ma sbaglia lo stop. Successivamente impegna Puggioni che, purtroppo, si supera nelle parate).

Eysseric s.v. Neanche il tempo di vederlo nel vivo dell’azione che si infortuna ed è costretto a chiedere la sostituzione. (Dal 20′ Dias 6.5 Si intende già bene con Gaspar. Veloce e sveglio, a volte è troppo lezioso. Uno dei migliori).

Simeone 6 Vedi Chiesa. Tanta corsa e una “garra” non indifferente. Anche lui, però, potrebbe fare qualcosa in più in area di rigore.

Pioli 5.5 Torna Chiesa, Biraghi “scalza” Maxi Olivera sulla sinistra, e Pezzella che prende il posto di Vitor Hugo al centro della difesa. Nonostante i cambi, nonostante la Fiorentina cerchi da subito di fare la partita, è la Sampdoria con due folate a segnare due gol e chiudere il primo tempo. Nella ripresa i viola trovano ordine ed un gol che accorcia le distanze. La Fiorentina avrebbe anche la possibilità di pareggiare, ma Puggioni da una parte, e gli attaccanti gigliati dall’altra, non riescono a cambiare il risultato.
Tommaso Fragassi

Comments

comments