Un tempo pazzo, un nubifragio, un terreno di gioco di categoria infima, il pallone che non rimbalza, a Marassi Genoa-Fiorentina termina con un rinvio a data da destinarsi.

Questo, tutto sommato, è il miglior riassunto che possiamo scrivere della partita di ieri, quello più ottimistico perché, se volessimo vedere il bicchiere mezzo vuoto, potremmo pure dire che la pioggia ha salvato i viola.

La Fiorentina, infatti, fino al momento del rinvio del signor Banti, aveva rischiato di subire più volte il gol (una traversa colpita dal Genoa e una spazzata di Astori a porta vuota), riuscendo a sporcare i guanti di Perin appena una volta, in modo velleitario, sulla solita palla inattiva.

Nessuna azione pericolosa, Kalinic troppo solo all’attacco, poco movimento utile e una difesa che, ancora oggi, traballa quando l’avversario avanza rapidamente.

Al di là del paragone Juric – Sousa, il primo urlante sotto l’acquazzone, il secondo in panchina silenzioso, che francamente non riteniamo poi così importante, ciò che più ci preoccupa è il paragone Fiorentina – Genoa. I rossoblu sono apparsi meglio organizzati, più concentrati e disposti in campo in modo più intelligente.

Ieri il Genoa stava mettendo in difficoltà una Fiorentina che fatica a trovare la sua strada. La difesa a tre ed il centrocampo così tanto affollato non convincono, forse è giunto il momento di collaudare il 4-2-3-1, con tre giocatori offensivi al servizio di Kalinic.

Insomma, serve una scossa. Un cambiamento di approccio e di soluzioni tattiche. Rendersi pericolosi quasi esclusivamente da palla inattiva non basta. La Fiorentina deve creare occasioni, Kalinic deve poter dialogare con i compagni all’attacco, non può continuare a sperare nei lanci lunghi dalle retrovie. La speranza è di riuscire a fare in tempo per domenica prossima, quando a Firenze arriverà la Roma di Spalletti.
Tommaso Fragassi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.