Il mercato in entrata della Fiorentina da oggi è ufficialmente nel suo momento topico. Forti dei molti milioni entrati nelle loro casse, i viola stanno reinvestendo in giro per l’Europa al fine di consegnare a Pioli una squadra completa.

E se adesso il mercato in entrata è più attivo che mai, su quello in uscita regnano ancora alcune incertezze. Kalinic in particolare, infatti, nei giorni scorsi ha manifestato il suo assenso ad una possibile cessione. La Fiorentina, dal canto suo, non vuole cederlo a meno di 30 milioni, anche a costo di tenerlo.

Forse, invece, abbassare le pretese di una manciata di milioni sarebbe la scelta più saggia. Il motivo? Il Genoa non ha ancora blindato Giovanni Simeone, attaccante classe ’95 che la scorsa stagione si è messo in mostra in Liguria.

Vendere Kalinic e comprare Simeone significherebbe cedere un calciatore con la testa a metà tra Firenze e Milano, e acquistare un ragazzo motivato e in rampa di lancio, questo è lo scambio che la Fiorentina potrebbe fare.

Intanto i viola si godono Benassi, fresco di firma sul contratto. Attenzione al ruolo, però, perché in Serie A il giovane Marco ha sempre giocato mediano, mentre in Nazionale Under 21 si è visto spesso a sinistra del 4-2-3-1, mettendosi in risalto nel ruolo di trequartista. Benassi, Eysseric e Chiesa, con Veretout e Badelj a centrocampo, questa una soluzione interessante, almeno finché Saponara rimane in infermeria.
Tommaso Fragassi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.