4 Marzo 2021 · 15:58
16 C
Firenze

Piccini: “La mia Fiorentina sarebbe favoloso vincesse lo scudetto nel nome di Astori, fenomenali!”

Cristiano Piccini, fiorentino di nascita, cresciuto nella squadra viola e adesso giocatore del Valencia, ha parlato a Sportweek, queste le sue parole:

A Lisbona ha vissuto la terribile aggressione degli ultrà.

«Tremendo. Eravamo negli spogliatoi pronti per uscire ad allenarci quando abbiamo iniziato a sentire insulti pesantissimi, urla, minacce. Sempre più vicino. E in un attimo ci siamo ritrovati 50, dico 50, persone incappucciate dentro lo spogliatoio. Hanno tirato dei bengala e non si vedeva niente. Avevano le cinture in mano e hanno iniziato a menare. Una situazione orrenda, perché anche difendersi era difficile:per il fumo e perché non sapevamo cosa poteva succederci. Puoi anche pensare di andare a dare un destro a qualcuno, ma chi ti dice che non abbia con sé un coltello? La situazione era di una violenza incredibile, nessuno può sapere cosa possono avere in testa persone capaci di arrivare a tanto».

E quanto è durato?

«Cinque minuti buoni. Che possono sembrare pochi ma vi assicuro che in una situazione del genere sono lun￾ghissimi. E poi ovviamente tutte le conseguenze successive. Un finale distagione orrendo, e difficilissimo».

Mai vissuto una cosa del genere.

«No, enonme l’aspettavo certo inPortogallo, Paese tranquillo. Spero che non mi capiti mai più. Nessuno si merita di vivere momenti così, e gio￾cando a calcio poi…».

Lo Sporting aveva preso Sinisa Mihajlovic.

«Sì, l’allenatore che mi ha fatto esor￾dire in Serie A. Ero in vacanza, non ho fatto in tempo a parlarci: hanno cambiato ilpresidente ehannodeciso di mandarlo via.Non so molto altro».

Roberto Mancini ha chiamato 31 persone, però non lei.

«Sul tema Nazionale ripeto da un po’ sempre le stesse cose: io continuo a lavorare. Penso che l’anno scorso avrei meritato un pizzico di considerazione in più, poi le scelte le fa l’allenatore e se mi daranno un’opportunità sarò felicissimo di prenderla.In attesa vado avanti come ho sempre fatto, lavorando.Èvero che ci sono giocatori che non giocano nei propri club e vengono comunque sistematicamente chiamati però non perdo la fiducia: sono al Valencia, un grande club, se faccio

Le dispiace?

«Chiaro».

Ha quasi 26 anni e inizia la sua quinta stagione all’estero, la cosa può averla pregiudicata?

«Sicuramente. Anche perché di que￾sti 5 anni in 3 sono stato spesso infor￾tunato. Però non ho rammarichi, sono contento: mi sono rialzato tante volte e sono arrivato a un livello alto, la Champions con lo Sporting, ora il Valencia, e sono partito dal basso, dallaCarrarese in Serie C,un percorso lungo e sofferto del quale sono orgoglioso. Anche perché nessuno mi ha mai regalato nulla: lavoro, sacrificio e forza di volontà mi hanno portato fin qui e continueranno ad accompagnarmi. Se arriveranno altre cose ok, altrimenti va bene lo stesso. Io ho l’anima in pace».

[…]

E la sua Fiorentina?

Dopo la tragedia di Astori i ragazzi, l’ambiente, la città sono stati fenomenali a convertire la morte di Davide da debolezza a punto di forza. Lo dimostrano a ogni partita. Sarebbe favoloso se vincessero il campionato».

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Fiorentina in ritiro? Il no arriva da Prandelli: “Non serve, i ragazzi stanno lavorando tanto”

Al termine della partita di ieri con la sconfitta della Fiorentina contro la Roma, era circolata la possibilità di andare in ritiro per la...

“Grazie Fiorentina, nostro fratello Davide adottato a Firenze. Era il Maradona dei valori umani”

Questa mattina il Corriere dello Sport ha intervistato i due fratelli di Davide Astori, vale a dire Bruno e Marco. Queste le loro parole...

CALENDARIO