Così Luciano Spalletti a Sky Sport nel post gara: “In alcuni momenti abbiamo giocato bene e in altri siamo stati sotto tono, abbiamo perso troppi palloni subendo tante ripartenze. Abbiamo creato due o tre occasioni, ma abbiamo fatto girare la palla troppo lentamente e con poca personalità. Ci siamo complicati molto la partita. Poi c’è stato il gol di Mauro (Icardi, ndr) e dopo il gol abbiamo rischiato di raddoppiare. Siamo stati sfortunati anche con la situazione infortunati: Nagatomo aveva la febbre e ha sofferto. Avessimo raddoppiato la partita sarebbe stata chiusa ma va bene, ci prendiamo questo punto. Joao Mario? Non prendo di mira il singolo, voglio guardare al collettivo. Ora dobbiamo lavorare sulle nostre qualità, tutta la squadra. Così potremo valorizzare le caratteristiche di tutti i giocatori. Problema di disposizione in campo? Non credo. Tutte le palle giocate da Laurini su Chiesa non riuscivamo ad arrivarci con i centrocampisti, per cui la palla andava lasciata al francese, non mi è riuscito di farlo capire ai miei giocatori. E’ stata quella giocata a crearci tante difficoltà”

Comments

comments