Queste le parole a fine partita di Stefano Pioli:

“Peccato perché potevamo andare subito sul 2-0 e poi sul 2-1. Comunque l’Atalanta ha avuto le sue occasioni. Troppi goal subiti? Con un po’ più di attenzione si potevano evitare. Dobbiamo essere più compatti e subire meno perché adesso abbiamo un attacco prolifico.

Per l’Europa siamo in ritardo e abbiamo molti scontri diretti. Dobbiamo fare 60 punti e le prossime 4-5 partite saranno determinanti. Nella nostra settimana, il ricordo di Astori occupa molto spazio. Domani saremo con lui e con la famiglia”.

Queste le sue parole in sala stampa: “La formazione l’ho provata per essere più aggressivi. Nel primo tempo abbiamo fatto bene ma non possiamo permetterci certi errori nei gol subiti. Abbiamo avuto le nostre occasioni.

Abbiamo preso due gol in cui vuole più attenzione. Dobbiamo lavorare e migliorare molto in difesa. Non siamo stati fortunati, soprattutto nel primo gol e ingenui nel secondo. Dopo il terzo gol è stato difficile per i ragazzi. Non dovevamo finire in svantaggio il primo tempo. L’Atalanta in confronto all’altra volta hanno avuto più occasioni di noi. Dovevamo fare meglio oggi.

Come mi aspettavo Davide ha lasciato un esempio e un ricordo di felicità in tutti gli stadi. Abbiamo avuto una settimana molto intensa. Abbiamo il pensiero di dare il massimo sapendo che ci vogliono sessanta punti per centrare l’Europa. Con la Lazio sarà tosta loro sono in forma. Volevamo portare qualcosa a casa ma non ci siamo riusciti.

Ci sono situazioni in cui dobbiamo migliorare ancora. Ci sono 5 punti dall’Europa: ce la possiamo ancora fare. Secondo me Edimilson e Veretout hanno fatto un partitone. Quando Federico tornerà a giocare a Bergamo sarà ancora più determinato, nonostante i fischi. L’Atalanta è il migliore attacco della Serie A, ci sarà un motivo. Se i nostri difensori hanno faticato è perché avevano davanti attaccanti di qualità”.