La Fiorentina guarda al futuro. Verso un’estate che sarà di inevitabile rivoluzione, perché Federico Chiesa partirà, perché in uscita c’è Giovanni Simeone, perché Marko Pjaca sarà restituito alla Juventus e Kevin Mirallas non verrà confermato dall’Everton. Perché Gerson difficilmente sarà riscattato, perché Marco Benassi mal si integra con gli schemi di Vincenzo Montella. Poi Jordan Veretout è in uscita, Christian Norgaard pure. Dietro Vitor Hugo dovrebbe partire perché non convince l’allenatore, tra i terzini Cristiano Biraghi e forse pure Vincent Laurini, con la Fiorentina che aspetta offerte multimilionarie per Nikola Milenkovic.

Scrivania mobile In primis il ruolo di uomo mercato. Non mancano certo i rumors sul futuro della scrivania della Fiorentina ma negli ultimi giorni Pantaleo Corvino ha incontrato procuratori, intermediari e agenti. Della rosa dei viola ma anche di chi propone calciatori in vista della stagione che verrà. Saluterà Carlos Freitas dal ruolo di direttore sportivo, in entrata un nuovo nome e questo è certo. C’è (c’era?) l’ipotesi Pietro Accardi dall’Empoli ma la sensazione è che sul dirigente ci siano anche altre ipotesi (Lecce) e che la Fiorentina stia cercando un profilo internazionale. Tra i contatti avuti negli ultimi periodi anche uno con Robert Fernandez, ex uomo mercato del Barcellona.

Rivoluzione e acquisti Con così tante uscite, è attesa una vera e propria rivoluzione anche sulle entrate. In tutti i reparti. La certezza: Jacob Rasmussen dall’Empoli per la difesa per 7 milioni di euro. Il dubbio: Mohamed Traoré, per il quale ci sarà una possibile sessione ulteriore di visite in estate ma la Fiorentina e l’Empoli hanno l’accordo totale sulla trattativa a livello economico. Tra i nomi più caldi c’è quello di Andrea Bertolacci del Milan, in scadenza coi rossoneri. Proposto Lasse Schonedell’Ajax: il profilo convince Vincenzo Montella, da capire la risposta della dirigenza. Che intanto ha preso contatti con Alex Fernandez del Cadice, profilo già seguito in passato e già ai tempi di Montella. Sull’esterno, invece, tra le idee c’è quella di Oussama Idrissi dell’AZ Alkmaar. E in cabina di regia non manca sempre l’interesse per Tomas Soucek dello Slavia Praga.

Tmw