Nelle scorse settimane vi abbiamo parlato di dove ci ritroviamo, di come viviamo le partite e anche del torneo di calcio che facciamo (tra l’altro iniziato col botto: un 4-0 al Milan alla prima giornata!). Ma è giunto il momento di toccare un tema altrettanto importante: le origini del Viola Club Londra.

Tutto nasce in una calda (forse non troppo) sera dell’estate del 2013, quando una decina di persone – rigorosamente di fede viola – si ritrovano intorno al tavolo di un ristorantino di Notting Hill. L’occasione è una delle partite del precampionato della Fiorentina. Quelle persone avevano ormai imparato a conoscersi perché si erano viste più volte, anche casualmente, in vari locali della City londinese a seguire la loro squadra del cuore. Cosa non semplice visto che, soprattutto durante la stagione, i pub inglesi privilegiano sempre le squadre locali o le big dei vari campionati europei (tra le quali, ahimè, non viene annoverata molto spesso la nostra amata Viola). Quella sera il lampo di genio: perché non trovare un posto dove poter vedere sempre le partite della Fiorentina insieme? Un punto di ritrovo per quei tifosi viola esiliati nella terra di Albione che hanno un disperato bisogno di condividere insieme gioie e dolori per la loro squadra del cuore.

Fu così che furono gettate le basi del Viola Club Londra.
In realtà un Viola Club a Londra era già esistito. Era la seconda metà degli anni novanta quando Marcello Mancini prima e David Roodyn poi, sulla scia dei successi di Bati e compagni, avevano avviato un club di tifosi viola nella capitale inglese. Club che annoverava tra le sue fila anche nomi del calibro di Zeffirelli e Barucci. Tuttavia, le strade intraprese dalle vite dei soci fondatori prima e il disinnamoramento dovuto a calciopoli poi, avevano portato il club sulla via del tramonto. Resta comunque memorabile (o drammatico, a seconda dei punti di vista) il collegamento televisivo che fu fatto con il club in occasione di quello sfortunato Juventus Fiorentina 3 a 2 con il famoso pallonetto di Del Piero a Toldo: la definizione non sarà ultra HD, ma merita comunque la visione – https://www.youtube.com/watch?v=aQPrlWklYCk .
Il fato ha voluto che fosse sempre un Fiorentina Juventus a sancire il battesimo del nostro club, il match che ha visto per la prima volta esposto al Franchi il nostro striscione. Sarà che in qualità di tifo londinese avevamo un debito con la fortuna dopo che Del Piero e compagni ci rimontarono due gol in quella maledetta partita del 1994, o magari sarà per un qualche tipo di contrappasso di dantesca memoria, ma quel giorno – il 20 ottobre 2013 – fu la nostra amata Viola a rimontare due gol ai bianconeri. E sugli spalti del Franchi, ad esultare per la tripletta di Pepito e la rete di Gioacchino, per la prima volta c’era anche il Viola Club Londra.

Ettore Lazzerini – Violaclub Londra