(ANSA) – TORINO, 21 NOV – Biglietti da destinare al bagarinaggio in cambio della tranquillità della curva: questo, secondo un’inchiesta della procura di Torino conclusa da pochi giorni, il patto preso da dirigenti della Juventus e un presunto appartenente alla ‘ndrangheta. A carico del personale della società bianconera non sono emersi estremi di reato: nessuno è indagato. Le carte però sono state trasmesse alla procura federale, come atto dovuto, perché potrebbe esistere un illecito di carattere sportivo.

Comments

comments