20 Luglio 2024 · Ultimo aggiornamento: 11:58

Labaro viola: il mondo viola minuto per minuto
Retroscena Chiesa-Fiorentina, aveva accettato il rinnovo, poi si presentò Ramadani. Chiesti 6 milioni all’anno, no viola
News

Retroscena Chiesa-Fiorentina, aveva accettato il rinnovo, poi si presentò Ramadani. Chiesti 6 milioni all’anno, no viola

Redazione

10 Ottobre · 20:00

Aggiornamento: 10 Ottobre 2020 · 20:00

Condividi:

Ecco quanto racconta il giornalista David Guetta su Radio Bruno riguardo la vicenda tra Chiesa e la Fiorentina, prima il possibile rinnovo poi la cessione alla Juventus. Queste le parole di Guetta:

“Come tutti sappiamo Federico aveva chiesto la cessione già all’inizio dell’arrivo di Rocco Commisso ma il nuovo patron viola non si poteva presentare a Firenze con una cessione. All’inizio della nuova stagione Chiesa chiese alla Fiorentina 6 milioni di euro all’anno per il rinnovo, cifra ritenuta troppo alta da Joe Barone e Rocco Commisso che rifiutarono questa proposta.

Dopo questo primo mancato approccio arriva l’offerta di una big inglese ma il calciatore non ne vuole sapere di una cessione all’estero. Cosi la Fiorentina offre il rinnovo al calciatore, per una cifra a salire che parte dai 3 milioni e che arriva a ben 5 milioni netti a stagione, con questa cifra arriva finalmente l’intesa. Chiesa e la Fiorentina trovano l’accordo a queste condizioni. All’incontro per la firma sul contratto non si presentano né Federico nè papà Enrico ma al loro posto si presenta Ramadani, il quale annuncia il cambio di idea di Chiesa e la voglia di andare alla Juventus”

LEGGI ANCHE, CHIESA RIVELA AGLI AMICI: “ME NE VADO PER LE MANCATE AMBIZIONI DELLA SOCIETÀ”

Chiesa rivela: “Via dalla Fiorentina per la società e per le ambizioni. Non c’è progetto per sognare in grande”

1 commento su “Retroscena Chiesa-Fiorentina, aveva accettato il rinnovo, poi si presentò Ramadani. Chiesti 6 milioni all’anno, no viola”

  1. Ma ti levi dai coglioni te e il tu babbo!
    Non ti bastava un nuovo contratto da 3 milioni a salire fino a cinque, non ti bastava essere il capitano di una squadra importante, che ti garantiva un posto fisso in squadra e un posto in nazionale. Vai pure via “gobbo” a giocarti il posto, ti augurodi non fare la fine di Bernardeschi, ma ti prego di zittirti e di levarti prima possibile dai coglioni.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Testata giornalistica | Autorizzazione Tribunale di Firenze n.6004 del 03/11/2015
Edimedia editore | Proprietario: Flavio Ognissanti | P. IVA: IT04217880717

© Copyright 2020 - 2024 | Designed and developed by Kobold Studio