“Kalinic è un giocatore importante per la Fiorentina, finora ha espresso un ottimo calcio e ha segnato tanti gol. Perderlo sarebbe molto negativo per noi”. A sostenerlo è Giancarlo Antognoni, da poco rientrato nell’organigramma dirigenziale della Fiorentina, in merito al tentativo dei cinesi del Tianjin di strappare ai Viola l’attaccante croato. “E’ chiaro che sostituire Kalinic non è facile, quindi la società dovrà pensarci bene”, osserva l’ex capitano e bandiera viola, facendo riferimento alla clausola rescissoria per il croato di 50 milioni. “Per Kalinic – aggiunge Antognoni a margine di un evento al Senato – c’è un discorso aperto perché c’è il mercato, ma di certo non c’è niente. C’è una clausola rescissoria su di lui e vediamo cosa accadrà. Ma in questo momento è ancora della Fiorentina. Se va via Kalinic sicuramente arriverà qualcuno non dico di pari valore, perché in questo momento è difficile, ma che possa ricoprire il suo ruolo”.

Poi su Bernardeschi: “Bernardeschi? Lui è un patrimonio della Fiorentina e per ora rimane da noi. Ma è sempre difficile ipotizzare che rimanga a vita, non c’è la certezza”.

Fonte: Ansa