Quella di oggi è stata una giornata importante per il calcio italiano. Nel Consiglio Federale della FIGC, infatti, si è provveduto alla nomina del presidente Carlo Tavecchio nel nuovo ruolo di commissario della Lega di Serie A.

E questa è stata l’occasione per parlare anche del futuro del nostro calcio, anche in materia arbitrale. Al termine del Consiglio Federale, infatti, è intervenuto Marcello Nicchi. L’attuale presidente dell’Associazione Italiana Arbitri ha parlato dell’innovazione della tecnologia per aiutare i nostri direttori di gara e limitare, già dalla prossima stagione, gli errori arbitrali. E’ proprio questa la novità.

Infatti, secondo quanto dichiarato da Marcello Nicchi, l’introduzione della VAR (Video assistant referee) sarà anticipata di un anno. Non si partirà, quindi, dalla stagione 2018/2019, bensì già da quella 2017/2018. “La notizia è questa: con la VAR partiamo dalla prima giornata di campionato del prossimo anno, anticipando quindi di una stagione. Aspettiamo l’autorizzazione dell’International Board”. L’introduzione della VAR è stata anche confermata dallo stesso Tavecchio, che ha parlato così al termine del Consiglio Federale: “Ho già avuto un incontro con Gianni Infantino, che ci ha dato la disponibilità. Saremo i primi al mondo ad utilizzarla insieme a Germania e Olanda”. “L’Ifab deve approvare il protocollo on-line, che sara’ sviluppato da Rosetti”, ha spiegato invece il direttore generale della Figc, Michele Uva. “Non e’ una questione di giorni.

C’è bisogno di tempo, è anche una questione organizzativa: oggi testiamo tre campi in ogni giornata di campionato, dalla fine di questa stagione vorrà dire lavorare su dieci campi”. Così riporta Sky Sport.

Comments

comments