Federico Chiesa si conferma la nota più positiva di questa nuovissima e giovane Fiorentina, nel quale il calciatore ligure figlio d’arte che deve ancora compiere 20 anni rappresenta senza alcun dubbio la punta di diamante. Da quando era vicino ad una cessione in prestito al Cesena (in Primavera forse non sembrava potesse diventare un calciatore così forte), e Paulo Sousa lo vide e bloccò l’operazione portandolo in ritiro a Moena la scorsa estate, Chiesa ha cominciato una percorso di crescita veloce e continuativo.

In questo contesto la Fiorentina si è fatta trovare pronta ed ha iniziato a discutere con lui e suo papà Enrico (per fortuna che questo ragazzo non ha ancora un procuratore dietro e mettergli grilli idioti per la testa) un rinnovo di contratto. Chiesa prende ad oggi appena 400mila euro l’anno, e dopo le prime voci che lo vedevano prossimo passare ad un ingaggio da 1 milione all’anno, ora è ormai quasi sicuro che con i bonus la cifra raggiungerà il milione e mezzo annuo.

C’è poi chi tra gli addetti ai lavori ha cominciato a ventilare l’ipotesi dell’inserimento di una clausola rescissoria sul contratto del giovane del vivaio viola, come ad esempio nel caso di Niccolò Ceccarini, esperto di mercato di Mediaset, che ha parlato di un cifra intorno ai 40-45 milioni di euro. Bè, sarebbe un qualcosa di imperdonabile e per questo non vogliamo assolutamente credere ad un’indiscrezione del genere.

Davanti ad uno così giovane e così forte, mettere una clausola del genere significherebbe venderlo appena un quarto d’ora dopo e ciò sarebbe intollerabile (per questo restiamo scettici sulla possibilità che venga fatto un errore del genere) da qualsiasi punto di vista. Ma vi diciamo di più, l’inserimento proprio di una qualunque clausola, anche più alta, significherebbe appendere al ragazzo il cartello “For Sale / In Vendita”, visto il momento di brillantezza eccelsa che sta vivendo (non dimentichiamoci ad esempio che Chiesa rispetto a Bernardeschi, venduto a 40 milioni di euro, ha addirittura quasi 4 anni in meno). Quindi dal momento che non ha un procuratore avido alle spalle, che è attaccato ed affezionato a Firenze ed alla Fiorentina, e come lui anche il padre che ne cura gli interessi, vista la sua giovanissima età e la possibilità di rinnovargli ora il contratto per una cifra intorno al milione e mezzo di euro, in un secondo tempo, se la sua naturale esplosione continuasse, si potrà sempre offrirgli la stessa cifra che Bernardeschi ha rifiutato la scorsa estate, e cioè 2,5 milioni di euro all’anno che con i bonus sarebbero arrivati quasi a 3.

Insomma un percorso non brevissimo che ci permetterebbe di tenerlo a Firenze almeno per alcuni anni, di godercelo, di sentirlo come la nostra bandiera.

Evitiamo perciò clausole rescissorie (la Fiorentina non farà questo passo falso!), che se in alcuni casi rappresentano una mossa intelligente, in questo testimonierebbe soltanto un’autogoal senza precedenti che infiammerebbe ancora di più l’ambiente fiorentino.

Chiesa non si tocca, resti a Firenze senza clausole!

Giancarlo Sali

Comments

comments