23 Aprile 2021 · 12:54
19.7 C
Firenze

Mattioli, presidente Spal: “Ieri ho sentito Chiesa, ho sbagliato, lui è un patrimonio del calcio italiano”

Walter Mattioli, presidente della SPAL, ha parlato a Sky Sport dopo le forti dichiarazioni da lui estrnatate su Chiesa a fine gara. Ecco quanto detto:

“Con la società ci siamo sentiti lunedì, e col presidente. Ieri sera anche con Chiesa: gli ho spiegato che eravamo molto molto arrabbiati e ho sbagliato a tirare in ballo la Fiorentina, che ha fatto una bellissima partita, e il suo capitano che ha giocato come sa fare. Non era giusto parlare di poca serietà: lui è un patrimonio del calcio italiano ed anche uno dei giocatori più rappresentativi che abbiamo. Mi sono scusato con loro proprio perché mi dispiace. Per noi il rigore non c’era, il regolamento dice “chiaro ed evidente errore dell’arbitro” che non c’è stato e non accettiamo queste dinamiche del VAR. Se dopo il fallo fosse stato fermato il gioco, tutto questo non sarebbe successo. Ripeto: il rigore per me non c’era. Ci siamo sentiti presi in giro e non tutelati. Chiudo qui la polemica. Continuiamo il nostro campionato, ora andiamo a Reggio Emilia per questo derby importantissimo. Semplici? Ci siamo sentiti ieri sera, e gli ho proposto di andare io in panchina anche se gli ho detto che sono meno calmo di lui. L’ho fatto sorridere. Siamo consapevoli della difficoltà ma vogliamo raggiungere la salvezza che questa città e questa tifoseria meritano”.

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

L’Artemio Franchi può tornare alla sua capienza originaria (41.456) appena saranno terminate le limitazioni Covid

La Commissione provinciale di vigilanza dei locali di pubblico spettacolo ha dato l'autorizzazione al ripristino dei posto originari del Franchi. Solo 1.662 posti in meno...

Landucci: “La salvezza ancora è da raggiungere. La Fiorentina fa parte della mia vita”

Marco Landucci, ex portiere gigliato e vice di fiducia alla Juventus di Massimiliano Allegri, ha espresso il suo pensiero al Corriere Fiorentino: "Ormai ci siamo...

CALENDARIO