La partita di ieri oltre ad essere giocata discretamente bene dalla Fiorentina ha lasciato dei grandi spunti tattici non indifferenti. Di seguito ecco tre punti sui quali la squadra viola deve ripartire e migliorare per continuare ad essere una squadra competitiva:

Centrocampo troppo leggero. Giusta la scelta di schierare mezz’ala Edimilson Fernandes che ha garantito un buon gioco e un certo dinamismo alla squadra. Tuttavia, lascia perplessi invece la scelta di inserire Gerson dal primo minuto. Nelle gare toste come quelle di ieri, è meglio schierare un centrocampo che aiuti di più e che dia un ritmo maggiore. In questo sicuramente Benassi poteva rendersi maggiormente utile. Al contrario nelle partite dove la Fiorentina dovrà fare il gioco, come ad esempio quella di sabato contro la Spal, la qualità di Gerson sarà importante così come gli inserimenti dello stesso Benassi. Giusto quindi sarebbe lasciare a riposo Edimilson.

Federico Chiesa letale a sinistra. Verso il venticinquesimo del primo tempo, il tecnico viola Pioli ha scambiato le posizioni a Federico Chiesa e Marko Pjaca. Da lì fino a che è rimasto in quella posizione, il numero venticinque viola ha alzato radicalmente il suo rendimento essendo veramente pericoloso per la retroguardia doriana. A sinistra Chiesa ha la doppia opzione: andare sul fondo e mettere al centro, oppure accentrarsi ed andare al tiro. Avere due possibilità aggiunge un imprevedibilità clamorosa al ragazzo, che invece a destra viene coperto con più facilità visto che cerca sempre lo stesso tipo di giocata. Situazione di gioco da riprovare.

Ottima prova di Veretout. Il francese ha tutte le doti per poter giocare come incontrista moderno. E’ dotato di un grande calcio ed un ottimo lancio, è intelligente tatticamente ed ha un grande, grandissimo fisico e ritmo. Per questo motivo, in una Fiorentina improntata sul pressing alto e le ripartenze la scelta di tenerlo come mediano è ineccepibile. La prova di ieri ne è sicuramente una dimostrazione.3

Lorenzo Bigiotti