27 Febbraio 2021 · 01:27
8.1 C
Firenze

Fiorentina tennistica al Franchi, Simeone che grinta e Gerson onnipresente. Il pensiero di Maurizio Canino

Una Fiorentina versione Nadal ai prossimi U.S. Open al via oggi, quella che con un punteggio tennistico degno del campionissimo spagnolo, che tra l’altro per sua stessa ammissione, simpatizza per la squadra gigliata, spazza via il Chievo con un perentorio 6-1! I clivensi in realtà sono stati in partita sino al raddoppio dei viola che poi dopo la terza segnatura hanno dilagato con altri 3 gol e sfornando occasioni e gioco a tratti da fuoriserie top class!

Un inizio che sembrava tuttavia presagire ad un match tutt’altro che facile per i viola perché gli scaligeri con pressing alto a tutto campo ed un Giaccherini che attaccava la profondità soprattutto sulla fascia sinistra viola con un Biraghi spesso in difficoltà sulla velocità dell’ex juventino ed impotente sui cross scodellati al centro per le incursioni di Stepinski, che in più di un occasione è riuscito a mettere in difficoltà sull’anticipo in aerea piccola Vitor Hugo apparso lento ed impacciato sugl’affondi della punta gialloblu’!

Nel momento di maggior spinta dei clivensi, arriva però il vantaggio viola che nasce da l’anticipo di testa da manuale di Milenkovic che poi s’imposessa di prepotenza del pallone lasciando poi partire un missile terra aria di destro che s’insacca nel “sette” dove l’esterno difensore avversario non può arrivare! 

I gialloblu cercano subito di riportare lo score dell’ incontro in parità ma la Fiorentina sia con i due giganti della difesa, Hugo e Pezzella con la fascia di capitano targata DA13 e Milenkovic, sia con i due brasiliani Gerson e Edmilson riescono egregiamente a limitare gli attacchi avversari.

Quando i viola con un Cholito Simeone epico che scardina a centrocampo un pallone dai piedi dell’avversario diretto servendo un assist perfetto a Chiesa che si fa respingere il tiro ma che permette ad un Gerson davvero onnipresente e che appoggia dopo un batti e ribatti il pallone in rete, l’esito dell’incontro appare scontato e deciso!

La ripresa è pura formalità per gli uomini di Stefano Pioli che con una doppietta di Benassi nel ruolo dove secondo noi fa davvero Un figurone cioè come interno di centrocampo con soluzioni offensive ed inserimenti che fanno la differenza anche e soprattutto in fase realizzativa!

La premiata ditta Chiesa Simeone entra nel tabellino dei marcatori con il quarto dell’azzurro e la ciliegina sulla torta del fresco convocato nell’albiceleste che fa 6-1! Il gol della bandiera lo realizza un cuore viola chiamato Nenad Tomovic che esulta mimando il numero 13 del suo vecchio capitano Davide Astori. Un finale perfetto per una partita che ha visto Pioli ed i suoi uscire dal campo a fine partita con un’autentica standing ovation da parte del pubblico entusiasta accorso allo Stadio Franchi per questo incontro.

Maurizio Canino

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Se Firenze piange, Roma non ride. La società rinuncia al nuovo stadio: “Non ci sono presupposti”

Il Consiglio di Amministrazione dell'As Roma, riunitosi oggi, «ha verificato che non sussistono più i presupposti per confermare l'interesse all'utilizzo dello stadio da realizzarsi...

Da Udine: “Anche Gotti possibile nuovo allenatore della Fiorentina, sullo stesso piano di De Zerbi”

Il giornalista della Gazzetta dello Sport che si occupa dell'Udinese, Francesco Velluzzi, ha parlato a Radio Bruno del prossimo nuovo allenatore della Fiorentina, queste...

CALENDARIO