I numeri della prevendita non sono incoraggianti. D’altra parte, al «Franchi», i giorni del tutto (o quasi) esaurito sono ormai lontani nel tempo. Eppure oggi a Firenze arriva la Lazio, ’nemico’ storico negli incroci della tifoseria, e sempre oggi la Fiorentina si gioca l’ultima (concreta) chance per l’Europa League: ma niente. La prevendita è andata a singhiozzo, quasi a voler trasformare la contestazione degli slogan ’contro’ e degli striscioni in un altro tipo di contestazione. Quella, appunto – come evidenziato a suo tempo dal presidente del Coordinamento – del non andare allo stadio. E di ’macchiare’ il «Franchi» di poco gradevoli spazi vuoti.
Il futuro e le idee di mercato sono molto probabilmente il vero e unico ’calmante’ del momento. Il significato del resto è chiaro: Firenze vuole concentrarsi il più in fretta possibile sul domani. Su quella che sarà la stagione della ripartenza.

A scrivere così è La Nazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.