Primo pomeriggio da dimenticare per il Siviglia di Montella, che crolla ad Eibar con una formazione fortemente influenzata dall’appuntamento con il ritorno delle semifinali di Coppa del Re con il Leganes della prossima settimana. In svantaggio fin dal primo minuto, gli andalusi finiscono per perdere per 5-1 e vedono i rivali di giornata riavvicinarsi a un solo punto, mettendo in pericolo l’attuale sesta posizione, che vale la qualificazione all’Europa League.

CON LA TESTA ALLA COPPA – Pesa, eccome, nelle scelte di Montella il ritorno delle semifinali di Coppa del Re di mercoledì prossimo. Dopo aver spremuto il suo undici base per qualche settimana, l’aeroplanino, oltre al sanzionato Mercado, rinuncia anche a Franco Vazquez, rimasto direttamente a Siviglia, a Jesus Navas, Joaquin Correa, Banega e Muriel. In campo dal primo minuto, tra gli altri, appaiono il redivivo Nico Pareja e i nuovi acquisti Layun, Roque Mesa e Sandro. L’esperto Mendilibar, orfano del terminale offensivo Sergi Einrich, punta su un 4-4-2, con Orellana e Inui a pungere sulle fasce e la coppia Kike Garcia e Charles in avanti.

SENZA STORIA – La mezza rivoluzione manda in confusione il Siviglia, che dopo neanche un minuto si ritrova già sotto, trafitto da un missile terra aria di Kike Garcia che non lascia scampo al discusso Sergio Rico. Un quarto d’ora dopo, i baschi raddoppiano con Orellana, al termine di una spettacolare giocata sulla sinistra che coinvolge Charles, Inui e, soprattutto l’exromanista José Angel, che si concede una piroetta smarcante prima d’inventarsi l’assist d’esterno sinistro per il cileno. I ragazzi di Montella, appena varcato il 20’, dimezzano le distanze grazie a un rigore di Sarabia, provocato da una mano malandrina di Dani Garcia. Una decina di minuti dopo, però, un imperioso stacco aereo di Ramis, su giocata d’angolo, ripristina il doppio vantaggio dei locali. Al 16’ della ripresa, arriva anche il poker, calato dallo scatenato Orellana, che ruba palla al limite dell’area e batte ancora Rico. Gli ospiti provano a reagire, ma il palo nega il secondo gol a Sarabia. Allo scadere Arbilla fissa il definitivo 5-1 da calcio piazzato. Terza sconfitta in 5 partite di Liga per il tecnico italiano, che sta facendo decisamente meglio in Coppa del Re, dove ha raccolto 4 vittorie e il pari di Leganes di mercoledì scorso.

Fonte: Corriere dello Sport

Comments

comments