Di Francesco come possibile allenatore della Fiorentina 2019-20 rimane ancora nel campo delle ipotesi, ma questo è. E allora viene da sé immaginare di pari passo la struttura della nuova squadra, quella che verrebbe messa in mano al tecnico ex Roma e a cui toccherebbe il compito di plasmarla, di darle un’identità e una fisionomia. Soprattutto, un gioco: nel segno del 4-3-3 e/o del 4-2-3-1, viene da credere, perché i due moduli alternati rappresentano il marchio di fabbrica dell’allenatore abruzzese.

Questa costruzione Luis Muriel (che la Fiorentina ha già deciso di riscattare dal Siviglia investendo a breve oltre 10 milioni) sarebbe il riferimento offensivo sempre e comunque: nel 4-3-3 con due esterni capaci di esaltarne le qualità realizzative in ogni zona degli ultimi 20-25 metri; nel 4-2-3-1 con un terzetto alle spalle in cui, ad esempio, Giovanni Simeone potrebbe trovare la sua collocazione naturale in un disegno che verosimilmente esalterebbe la sua corsa, i suoi inserimenti partendo da dietro, il vantaggio di trovarsi faccia e non spalle alla porta avversaria.

Poi, sempre rimanendo alla formula che Di Francesco ha usato in alternativa durante l’attuale stagione dimostrando duttilità di pensiero e d’azione, ai viola servirebbe un trequartista capace dell’assist, dell’ultimo passaggio, ma anche in grado di essere il primo che porta il pressing: un buon motivo per valutare il riscatto di Saponara. Inoltre, per quello che riguarda i due centrocampisti centrali (Zurkowski lì ci starebbe ad hoc ed è stato già preso per questo), Benassi potrebbe ricalcare un po’ quello che El Shaarawy ha fatto e sta facendo alla Roma sfruttando le sue caratteristiche più consone all’inserimento in avanti che al contrasto.

Pezzella, così come Muriel per l’attacco, va da sé che si assumerebbe ancora la responsabilità più importante nel contesto dell’organizzazione e dello sviluppo del reparto con il compito – tra gli altri – di agevolare l’adattamento di Rasmussen; poi sarebbe intensificata la trattativa che riguarda Celik, classe 1997, terzino turco in forza attualmente al Lille.

Corriere dello Sport