Mazzarri esonerato dal Watford. E quindi? Direbbe qualcuno. Quindi nulla di concreto, rispondiamo noi. È una provocazione mista ad un vecchio feeling tra Corvino e Mazzarri.

Partiamo dai fatti. Tra i nome sondati per il dopo Paulo Sousa c’è stato anche quello di Walter Mazzarri, ex allenatore di Inter e Napoli, che fino a qualche ora fa era sotto contratto con il Watford, club inglese di cui la famiglia Pozzo è proprietaria. Poche ore fa però, la dirigenza del Watford ha scelto di esonerare il tecnico italiano. Motivo? Caos nello spogliatoio e clima non idilliaco, risultati mediocri in campionato. Nè bene, nè male, con una salvezza raggiunta con tre giornate di anticipo.

La Fiorentina, resta da dire, ha un accordo in mano con Stefano Pioli, come raccontato da noi in esclusiva due settimane fa il contratto offerto all’allenatore ex Inter è un biennale con opzione per il terzo con ingaggio da un milione e mezzo a stagione. Insomma, è davvero tutto fatto, mancano gli ultimi dettagli da sciogliore, tra cui una buonuscita da ottenere per Pioli dalla società neroazzurra e anche ultimi dubbi che restano in qualche dirigente della Fiorentina su questa scelta.

Se tutto va come dovrebbe andare il prossimo allenatore sarà proprio Pioli, ma questo licenziamento a sorpresa potrebbe aver aperto un’alternativa alla società gigliata per il ruolo di nuovo tecnico, un’alternativa che vorrebbe significare cambiamento radicale in riva all’Arno, cambiamento che Mazzarri porterebbe.

Gioco sporco, maschio e pratico fatto di ripartenze. Un qualcosa che a Firenze non si vede dai tempi di Trapattoni. Chi lo sa, magari potrebbe essere davvero un’idea per la Fiorentina. Diversi mesi fa, Corvino ci ha provato, ma è stato fermato dal lungo contratto di Mazzarri. Adesso ci può riprovare. Lo farà? Chi vivrà vedrà..

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments