Dopo Corvino si infuria anche Sousa, finalmente Firenze torna a farsi rispettare dopo i soliti giochetti delle televisioni

Sousa e l'ira nel post partita contro Mediaset. Il cambiamento è segnato. Sorride il mondo viola

0
1458

Era il post partita di Fiorentina – Roma e dalla sponda giallorossa arrivavano grandi lamentele dopo il gol irregolare (?) di Badelj, proteste romanista arrivate su tutti i fronti, allenatore, giocatori, presidente. A quelle proteste ha risposto a tono Pantaleo Corvino, il direttore generale della Fiorentina ha inscenato un duro botta e risposta con il direttore sportivo della Roma Walter Sabatini. Per la prima volta la società viola aveva risposto duramente alle insinuazioni, era stato messo da parte il fioretto e il fair play degli ultimi anni.

 

Dopo Fiorentina – Milan la storia si è ripetuta, questa volta Borja Valero e compagni non hanno portato a casa la vittoria ma sotto la lente di ingrandimento ci è finita la mancata espulsione di Tomovic per il fallo non sanzionato da ultimo uomo su Luiz Adriano nei secondi finali. C’era fallo e c’era l’espulsione del giocatore viola ma non c’era il rigore come chiedevano i rossoneri. Questo è ciò che è emerso dalla moviola.

 

Paulo Sousa si presenta ai microfoni di Mediaset e la prima domanda è sull’episodio a sfavore rossonero. Da qui parte l’ira del portoghese che se la prende con un certo tipo di giornalismo che favorisce e tende ad evidenziare questi episodi a favore di club come quello del Milan.

 

Il cambiamento è segnato, l’ambiente viola che fino ad ora non si era mai lasciato andare questo tipo di polemiche adesso risponde a tono a questo tipo di atteggiamenti di avversari, giornali e televisioni. Un cambiamento che i tifosi viola stanno apprezzando, un atteggiamento quello di certi media che ha sempre infastidito e non poco l’ambiente Fiorentina, adesso è arrivato il momento di farlo notare…

Flavio Ognissanti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.