Corvino ha parlato a Radio Bruno, queste le sue parole:

“La partita contro il Palermo? Insieme agli ultimi 45′ contro il Borussia in Europa League sono due fra le pagine più brutte della mia carriera. La gara di coppa è stata terribile per me ma soprattutto per i tifosi e lo stesso si può dire della partita di Palermo. I nostri giocatori avevano fatto grandi sforzi in coppa, dove eravamo arrivati primi e avevamo vinto all’andata, e in Sicilia è successo lo stesso: vincendo saremmo stati vicinissimo al sesto posto.

Abbiamo vanificato sacrifici, queste partite non le perdi perché manca un centrocampista o un difensore. Questa stagione non è fallimentare come ho sentito dire, siamo in linea con quanto avvenuto nelle ultime cinque stagioni. Società assente? E’ una cosa che non trova riscontro con i fatti, abbiamo una proprietà importante come la famiglia Della Valle che è innamorata di questa città. Hanno portato la piazza dalla Serie C alla Serie A: abbiamo raggiunto l’Europa 8 volte su 11. Le proprietà lontane sono quelle della Roma e del Manchester City, noi qui siamo sempre presenti.

Non si può dire che una società è assente quando c’è un management che è sempre presente. Gli striscioni sono figli delle delusioni dei risultati, i tifosi devono essere insieme alla squadra. Quando un risultato manca non vogliamo sentirci giudicati assenti, siamo a supporto della squadra dalla mattina alla sera. Lo prendiamo come sfogo per via della delusione. Squadra libera due giorni? Sono analisi che tengono conto di situazioni generali, siamo dirigenti di lungo corso. Il gruppo attuale ha già portato la Fiorentina in coppa.

Questi ragazzi hanno forato all’ultima curva ma penso che loro non volevano quel brutto risultato. Qualcuno ha detto che abbiamo fatto dei teatrini quando parlavamo di Europa League invece ci siamo avvicinati all’obiettivo e ancora ci possiamo credere perché la matematica ce lo permette. Con la società abbiamo deciso che partiremo venerdì per la trasferta di Sassuolo, vogliamo prova a lottare ancora per il sesto posto”.