Sarà una Fiorentina completamente rivoluzionata quella che si presenterà ai nastri di partenza della nuova Serie A. Il club viola, infatti, ha deciso di mettere a disposizione di Pioli una rosa all’insegna della gioventù e della volontà di emergere. Uno dei nuovi innesti, inseriti all’interno dello scacchiere gigliato, porta il nome di German Pezzella, prelevato dal Betis Siviglia in prestito con diritto di riscatto: un profilo di esperienza e carisma, già noto ai più, considerato che nel corso degli ultimi anni è stato accostato ripetutamente a diversi club italiani tra cui Inter, Napoli e Roma. Ma ora, come vi abbiamo già raccontato, il centrale difensivo argentino è pronto per iniziare la sua nuova avventura a tinte viola.

Nato a Bahia Blanca (città argentina che affaccia sull’Oceano Atlantico, a poca distanza dalla capitale Buenos Aires) il 27 giugno del 1991, German Alejo Pezzella è uno dei tanti prodotti dell’incredibile fucina di talenti del settore giovanile del River Plate, squadra con cui ha debuttato come professionista nel 2011, all’età di 19 anni, nel match di Coppa Argentina contro il Belgrano. Pezzella, però, ha iniziato a muovere i primi passi tra le file dell’Olimpo de Bahia Blanca, prima di essere prelevato appunto dal settore giovanile del River a 14 anni. Con i Millonaros, Pezzella ha collezionato in totale 69 presenze tra campionato e coppe, impreziosite da cinque gol: il primo lo ha realizzato il 2 settembre 2012 contro l’Huracan in campionato. Con il passare del tempo, il centrale difensivo è diventato uno dei perni nella rosa del River e, nell’estate del 2015, si è concretizzato il grande salto nel Vecchio Continente: a superare la folta concorrenza è stato il Betis Siviglia che ha scommesso forte sulle sue doti. Fiducia ripagata in pieno, poiché Pezzella si è imposto subito come un elemento chiave nella retroguardia dei biancoverdi. Nelle due stagioni con la maglia del Betis ha collezionato 61 partite di Liga condite anche da 4 reti. Nonostante una carriera importante, German non vanta – per il momento – nessuna presenza con la nazionale maggiore argentina.

German Pezzella è un difensore centrale moderno, dotato di un fisico possente (187 centimetri per 82 chilogrammi) e di una buona velocità. Tra le sue qualità spicca sicuramente il grande carisma, caratteristica che gli permette di guidare il reparto difensivo con sicurezza e personalità. Può giocare indistintamente sia come centrale di destra che come centrale di sinistra, anche se il suo piede naturale è il destro. Pezzella fa del colpo di testa e della capacità di anticipare l’avversario due dei suoi punti di forza. Come detto, il classe ’91 non è un difensore vecchia scuola, ma ha anzi delle discretissime qualità tecniche che lo rendono particolarmente utile alla squadra in fase di impostazione e – non cosa di poco conto – è riconosciuto come un giocatore molto abile anche in fase offensiva: nelle mischie e sui calci piazzati è in grado molto spesso di far valere le sue abilità aeree per andare in rete. Per le caratteristiche tecniche, per quelle fisiche e per le capacità aeree, in patria Pezzella è stato paragonato a più riprese al suo connazionale Walter Samuel, anche se il nativo di Bahia Blanca può contare sua una velocità superiore rispetto al centrale ex Roma e Inter. A 26 anni, dunque, per Pezzella si spalancano le porte della Serie A dopo averla sfiorata più volte in passato. Nella linea a quattro che disegnerà Pioli, l’argentino dovrebbe inserirsi senza problemi in posizione centrale per garantire forza, esperienza, esplosività e carisma al reparto viola. Le premesse per fare bene in Italia ci sono tutte, la Fiorentina abbraccia il suo nuovo baluardo difensivo.

Alfredopedulla.com

Comments

comments