Silvio Baldini, tecnico della Carrarese ed ex allenatore del Brescia nella stagione 1998/99, ha parlato di Fiorentina all’emittente Lady Radio: “L’operato di Montella era talvolta mal visto prima dell’arrivo di Ribery, ma le idee erano buone altrimenti un giocatore non avrebbe potuto riscattare l’inizio incerto. Sono stati bravi a rovesciare la situazione mentale della squadra e quindi le idee del tecnico sono valorizzate. Firenze è una delle piazze più prestigiose d’Italia, ma è anche una delle più complicate. E’ più facile allenare la Juventus che la Fiorentina… i fiorentini vogliono tutto e subito perché hanno una determinata cultura. Sono felice che la Fiorentina vada bene. Commisso?E’ un classico italiano emigrato che adesso torna per affermarsi nel proprio paese natale. E’ una personacdotata di una passione contagiosa, spero faccia bene. Castrovilli? I paragoni con Antognoni e Tardelli sono un po’ azzardati, andiamoci piano. Castrovilli deve dimostrare a Firenze di essere campione, è partito alla grande ma il difficile attiva adesso che cominciano a conoscerti”.