Il giornalista Enzo Bucchioni ha commentato il successo di ieri a Bologna, ai microfoni di Radio Blu: “La vittoria contro il Bologna rasserena e consente alla Fiorentina di ripartire in maniera più tranquilla, dandole un po’ di morale. E’ una svolta importante, se pensiamo a cosa sarebbe successo se i viola non avessero vinto, con una squadra sempre più giù in classifica e una partita come quella contro la Juventus da affrontare. Il gioco non è stato esaltante ma in queste situazioni contano soltanto i tre punti e questi sono arrivati.

Speriamo sia una ripartenza vera dopo le due sconfitte contro Sampdoria e Verona. Mi sembra che la Fiorentina si sia ricompattata e che anche la visita dei Della Valle alla squadra in ritiro sia stato un modo per dire ‘occhio, oggi non si può sbagliare’. Per fortuna sono arrivati i tre punti, speriamo che si possa rivedere anche un gioco decente come quello di fine 2017.

Oggi interessava solo il risultato, ma la partita è stata inguardabile. La Fiorentina è di una modestia assoluta, con qualche giocatore sopra la media come Chiesa. I miracoli non accadono, bisogna vivere alla giornata. Badelj? Al di là dell’assist per il secondo gol, ha giocato sotto tono. Ha deciso di andare via e anche se è un professionista serio è difficile giocare alla morte in queste condizioni. L’Europa? C’è un abisso in mezzo, la Fiorentina non ha le risorse per centrarla. La stagione mi sembra abbastanza segnata”.

Comments

comments